Giovani scenari

riviste/seimagazine/11
Sei magazine
Sei magazine
Sei magazine
Sei magazine

è tra gli sportivi italiani più rappresentativi e vincenti degli ultimi anni, collezionista di record in uno sport a cui l’Italia dona campioni senza farli conoscere al grande pubblico. Una disciplina tanto antica quanto nobile, bistrattata da quanti pensano che sport significhi solo sudore e velocità, ma recentemente promosso dal comitato olimpico internazionale (C.I.O.) al rango di sport olimpico. Solo una mazza e una pallina, pensano alcuni. Invece il golf è molto di più, e ad accompagnarci in un viaggio tra prati d’erba e bandierine è il veronese Matteo Manassero, 20 anni tra pochi giorni, che da 17 manda la palla in buca ringiovanendo i green di tutto il mondo. Un amore a prima vista, atavico e ancestrale, considerando che il primo rapporto con il golf comincia… da neonato. "Guardavo le videocassette in tv, poi un regalo con le prime mazze di plastica, e da lì non ho più smesso. I primi tiri in campo li ho fatti a 3 anni!" : un amore a prima vista, quello per il golf, di quelli che accompagnano la vita e invece che diminuire aumentano, passando per tutte le tappe. Da gioco a passione, da passione a professione. Già, perché la tappa del professionismo a soli 17 anni è una delle tante conquiste dei record che l’enfant prodige ha segnato. Al campo pratica dell’Easy Golf di Verona i primi allenamenti, pomeriggi passati a tirare, una dopo l’altra, centinaia di piccole palline bianche. Un movimento adulto ed elegante, che segue una ritualità ben evidente. Calma, concentrazione, dedizione. Ma il golf conosce anche momenti di esaltazione, euforia e rabbia. Come per tutti gli sport in cui esistono delle regole. E in questo caso, sono talmente importanti da richiedere un esame in cui ne si dimostra la conoscenza

Suggerimenti