Green Hill: indagati
due veterinari

Chiusa dalla Procura l'inchiesta bis
Green Hill, beagle feriti e apatici
Green Hill, beagle feriti e apatici
Green Hill, beagle feriti e apatici
Green Hill, beagle feriti e apatici

La Procura di Brescia ha chiuso l’inchiesta bis su Green Hill, l’allevamento di cani destinati alla vivisezione, chiuso a Montichiari, nel bresciano, nell’estate del 2012, con i vertici dell’allevamento che sono stati condannati nel gennaio scorso al termine del processo di primo grado. Ora il sostituto procuratore Ambrogio Cassiani ha iscritto cinque persone nel registro degli indagati, tra i quali ci sono due veterinari dell’Asl di Lonato, in provincia di Brescia, Roberto Silini e Chiara Giachini, accusati di maltrattamento e uccisione di animali e di falso ideologico in atto pubblico e omessa denuncia. Devono invece rispondere di falsa testimonianza tre dipendenti della società Green Hill, Cinzia Vitiello, Antonio Tabarelli e Antonio Tortelli, perchè nel corso del processo di primo grado non avrebbero raccontato la reale situazione che c’era all’interno dell’allevamento.