PAISCO LOVENO

La stalla senza buoi del sindaco sognatore tra pascoli e allevatori spariti

Un nuovo capannone non fa un’area artigianale. Perché prima ci vogliono gli artigiani. E forse neanche una nuova super stalla da quasi 600mila euro, con caseificio e fienile annessi, è in grado di rilanciare una zootecnia che più che essere in crisi, nel caso in questione risulta almeno temporaneamente defunta. La domanda è la seguente: basterà il nuovo impianto modello finanziato dalla Regione a rilanciare l’allevamento di montagna in un paese che non solo non conta più neppure una mucca, ma è anche il più piccolo Comune della Valcamonica?
l sindaco di Paisco Loveno, che punta da anni a questa realizzazione e che adesso la sta vedendo sorgere, è convinto di sì; altri suoi compaesani pensano il contrario, protestano pubblicamente, parlano di capricci del primo cittadino e di uno spreco di denaro pubblico che si poteva usare per offrire altri servizi alla gente di questa minuscola comunità. Naturalmente auguriamo al sindaco di vedere presto un grande rilancio dell’economia rurale, e che qualcuno si rimetta a sfalciare i pascoli impervi e a loro volta quasi scomparsi di Paisco Loveno. E a tutta la comunità di non veder andare in malora una stalla bellissima dalla quale i buoi sono già scappati.