Lago d'Idro, il biotopo prosciugato dal mais

La Leonessa
La Leonessa
La Leonessa
La Leonessa

Che senso ha istituire un’oasi, un’area umida protetta che ricorda l’aspetto primitivo di un lago per poi lasciarla letteralmente all’asciutto? Non è successo nel Sud italiano dal clima ormai africano, ma sulle sponde del lago d’Idro e a breve distanza del corso del Chiese e del Caffaro, e a farne le spese in questa estate comunque torrida è stato un Sito di interesse comunitario, quindi riconosciuto e sostenuto dall’Unione europea. Proprio così, il bellissimo biotopo di Bondone, sulla sponda trentina dell’Eridio ma a un passo da Ponte Caffaro, ha fatto le spese dell’eccessivo prelievo idrico dal lago che non è stato compensato da immissioni d’acqua dai bacini montani. E così, mentre il mais della Bassa cresceva, la ricca flora e l’altrettanto ricca fauna di una riserva restavano in secca con effetti che si possono immaginare. È stato l’ennesimo esempio di una pessima gestione dell’oro blu di un bacino prealpino che fa gola a tutti, e che ancora una volta ha finito per soddisfare solo una parte degli interessi, come sempre quelli forti, mentre la natura ha pagato nuovamente un prezzo inaccettabile. Canneti, aironi, pesci e anfibi pesano sempre troppo poco in un’economia che purtroppo continua a non curarsi adeguatamente della sua sostenibilità.