leonessa

Le scelte politiche e gli auguri di natale

Primarie sì, primarie no, primarie forse; minacce, ritorsioni, abbandoni, telefonate notturne, pianti e risa. Non si sa più dove rigirarsi, in questi giorni di fine anno: pareva tutto già deciso in casa centrosinistra nella corsa verso la Loggia, con la candidatura di Laura Castelletti ormai accettata da (quasi) tutti. Invece no, oppure sì: boh. E adesso cosa succederà? Si cercherà un altro tavolo, dopo che quelli delle settimane più di tanto non avevano sortito effetti? Ma anche in casa centrodestra non si sta proprio tranquilli: Fabio Rolfi aspetta l’ufficialità ma la partita pare più ampia. Con due regioni chiave del Nord al voto come Lombardia e Friuli e una città importantissima come Brescia in palio, ci sarà il via libera dal centrodestra e da Roma per un tris di candidature leghiste, con il partito ai minimi storici? Tutto a posto e niente in ordine insomma, in una situazione che per Brescia vede in pochi mesi andare in scena elezioni politiche, regionali e comunali; verrebbe da dire che con una serie di appuntamenti così ravvicinata ci sia posto per tutti, mettiamola così; ma così non è, anzi la sintesi è complicata e complessa. A Natale siamo tutti più buoni, e magari allora così si riuscirà a mettersi d’accordo. Auguri a tutti allora.