Soccorsi «condivisi» Lumezzane non ci sta

La Leonessa
La Leonessa

Dieci minuti fanno davvero la differenza, soprattutto se si tratta di affrontarli al volante durante la notte? A Lumezzane ritengono di sì, e ne sono così convinti da essere riusciti a mettere insieme un’alleanza politica trasversale assolutamente inedita, che va dal Pd al sindaco leghista con nel mezzo la Croce bianca. Il tema è quello dei soccorsi sanitari in emergenza urgenza, e dell’Areu che li gestisce a livello regionale e che ha deciso una cosa intollerabile per la Valgobbia: da aprile l’automedica che staziona nella sede della Croce locale si trasferirà a Gardone; ma solo, appunto, nelle ore notturne. L’Areu spiega che questo succederà perché la maggior parte delle missioni si svolge prevedibilmente nel fondovalle, ricorda che durante il giorno il veicolo per il soccorso avanzato sarà sempre tra i lumezzanesi e sottolinea che, come detto, da Gardone alla Valgobbia con le sirene accese ci vuole un attimo. Niente da fare, Lumezzane non si tocca. Parte la mobilitazione - che si spera sia anche popolare - che punta ad arrivare fino al governatore lombardo per far valere il primato della città/fabbrica. Valtrumplini di fondovalle rassegnatevi: più in alto il senso pratico non l’ha ancora avuta vinta sul campanile.