Nicola Veneziani porta al Capitolium i ritmi della house

Nicola Veneziani:  deejay bresciano, un anno fa si è esibito in Castello
Nicola Veneziani: deejay bresciano, un anno fa si è esibito in Castello
Nicola Veneziani:  deejay bresciano, un anno fa si è esibito in Castello
Nicola Veneziani: deejay bresciano, un anno fa si è esibito in Castello

Un anno fa, il primo esperimento: trasformare il Castello di Brescia in una spiaggia di Ibiza verso l’ora del tramonto. Ora la sfida è ancora più ambiziosa e spericolata: fare più o meno la stessa cosa, ma con il Capitolium. Tempio romano che stasera il dj bresciano Nicola Veneziani «sconsacrerà» con bombe house-techno in picchiata dalle 22.30 a mezzanotte, per un set a porte chiuse (il pubblico potrà però assistere a distanza) in occasione dei festeggiamenti per i 10 anni del riconoscimento Unesco del sito archeologico longobardo simbolo della città. Ancora una volta, dunque, il ritmo si eleverà a forma di resistenza; «Le radici - come già allora esplicitava il manifesto del progetto, ideato da Just Visual e Comunico in sintonia con Comune e Fondazione Brescia Musei - per tenere salde le basi dei sogni, il passato come pilastro per costruire un futuro più forte e sempre più meraviglioso». Classe 1987, Veneziani proporrà una selezione di brani nell’onda cosmica del suo nuovo ep «Astra» (prodotto dal duo Alien Cut e in uscita la settimana prossima distribuito da Sony), amplificata dai visual di Scena Urbana. «Non nascondo una certa emozione per quella che si annuncia come un’esperienza inedita, unica e indimenticabile… L’idea di portare la musica in luoghi di straordinaria bellezza rappresenta il linguaggio più attuale per un dj. Sarà un viaggio sonoro che racconterà la mia storia, a 10 anni dalla mia prima produzione discografica».•. © RIPRODUZIONE RISERVATA

Elia Zupelli