Sirigu sul trono a Tokyo «Un’emozione profonda»

Con questo corto Sirigu ha vinto il «Top Indie Film Award» Spring 2021
Con questo corto Sirigu ha vinto il «Top Indie Film Award» Spring 2021

In un mondo in cui le immagini ormai sono quasi solo in digitale, Michele Sirigu, filmaker di Montichiari, fa riscoprire con un documentario, il suo primo corto, le antiche arti della fotografia analogica, della stampa in camera oscura e i loro maestri . Notevole il successo di «Giancarlo Vaiarelli - Una vita di platino...e palladio». Con la sua opera Sirigu è salito in Giappone sul gradino del podio più alto, vincendo a Tokyo il «Top Indie Film Award» Spring 2021, come miglior documentario e come miglior fotografia (oltre ad aver messo in cantiere altre quattro nomination come miglior montaggio, suono, musica e idea originale). «La notizia, emozionante, mi ha profondamente colpito. Ho conosciuto Giancarlo Vaiarelli grazie al progetto fotografico "Visioni Extra-Temporali" di Nicole Russo, la mia compagna, dedicato al nonno Gaetano Billicini scultore in legno, e alle sue visioni, stampate in foto dal maestro milanese - spiega Sirigu -. Così ho sentito un insopprimibile bisogno di raccontarlo e in una settimana ho fatto tutto, quasi di getto, cercando di trasmettere l’emozione di un lavoro insieme antico e moderno». Giancarlo Vaiarelli è custode «di una delle più difficili e preziose tecniche di stampa, quella ai sali di platino e palladio, che risale all’800 e tiene in vita fondendola con le moderne tecnologie e facendo riscoprire il valore di un’immagine impressa su un foglio di carta allo stato dell’arte e con una durabilità nel tempo espressa in centinaia di anni», continua Sirigu, felice e sorpreso che un confronto con il resto del mondo lo abbia incoronato primo. Distribuito da Premiere Film, il corto è iscritto ad un centinaio di altri festival in cui spera di bissare il successo. •. M.Mo. © RIPRODUZIONE RISERVATA

Suggerimenti