Brescia Art Marathon: è la carica dei tremila

Daniele Donna
Daniele Donna
Daniele Donna
Daniele Donna

Oltre tremila atleti hanno animato ieri la ventesima edizione della Bossoni Brescia Art Marathon, impegnati nelle tre gare competitive del programma: maratona, mezza maratona e 10K. Emozionanti i minuti prima del via, quando sono stati suonati gli inni italiano e ucraino, un gesto simbolico importante, per esprimere solidarietà al popolo ucraino. «Faremo sicuramente di più – spiega il dottor Gabriele Rosa, presidente del team organizzatore –, stiamo già lavorando in collaborazione con l’Unicef al progetto di adozione di ragazze ucraine e afghane. Così alle 8.05, in due grandi wave, sono partiti i runner impegnati sui 42 km e i 21 km, seguiti dagli iscritti alla 10K competitiva. La 42 km parla bresciano sia al maschile sia al femminile. Tra gli uomini ad aggiudicarsi la gara è stato Daniele Donna (Atl. Franciacorta). L’atleta di Corte Franca, alla prima vittoria in maratona, ha chiuso la sua performance in 2:36’29”, precedendo Matteo Di Conza (Varese Atletica, 2:39’29”) e il campione italiano della 100 km Marco Menegardi (G.S. Orobie, 2:42:35”). Tra le donne, la triatleta Eva Grisoni (Lycos Triathlon Team), con 2:49’16”, è salita sul gradino più alto del podio alla sua seconda maratona. Seconda è giunta Chiara Bonassi (Atl. Paratico, 3:11’49”) e Simona Cassissa (Emozioni Sport Team, 3:15’11”). Donna e Grisoni hanno vinto anche il titolo di campione provinciale assoluto sulla distanza. Nella mezza maratona Youssef Khatoui (Atl. Vallecamonica) è stato il più veloce, arrivando al traguardo in 1:10’33. In campo femminile, Elisabetta Manenti (Atl. Pianura Bergamasca) ha vinto con il tempo di 1:20’28”. Nella 10K, con 31’43” primo Alessandro Romani (Atl. Insieme Verona) davanti a Matteo Bonzi (Atl. Valle Brembana, 31’59”) e Alessandro Comai (Venus Triathlon Academy, 32’06”). Tra le donne Federica Frigerio (Cus Brescia, 35’23”) ha costretto al secondo e terzo posto rispettivamente Veronica Bacci (Team KM Sport, 37’09”) e Paola Poli (Freezone, 37’34”).•. © RIPRODUZIONE RISERVATA