Lombardia, un volume narra i primi 100 anni

Graziella Bragaglio riceve il riconoscimento a Villa Mazzotti Biancinelli
Graziella Bragaglio riceve il riconoscimento a Villa Mazzotti Biancinelli
Graziella Bragaglio riceve il riconoscimento a Villa Mazzotti Biancinelli
Graziella Bragaglio riceve il riconoscimento a Villa Mazzotti Biancinelli

C'era anche tanta Brescia nei festeggiamenti per i cento anni della Fip Lombardia. Per un evento speciale serviva una location speciale. Ecco spiegata la scelta di Villa Mazzotti Biancinelli di Chiari come sede della presentazione di «100 anni del basket in Lombardia», libro scritto da Sergio Meda, Sergio Giuntini e Don Mario Zaninelli. Un’opera dettagliata nella quale è racchiuso il primo secolo del basket lombardo: dalla fondazione della Fip (1921) ai giorni nostri. Un evento al quale hanno partecipato glorie della pallacanestro come Giorgio Maggi, presidente della Fip, oltre a delegazioni di alcune società del territorio. È stato Pietro Colnago, noto giornalista sportivo ed ex giocatore, ad accompagnare gli ospiti all’interno della narrazione. La giornata si è aperta con le premiazioni di figure di spicco del basket bresciano come Graziella Bragaglio e il marito Matteo Bonetti, grandi artefici del ritorno in Serie A del Basket Brescia targato Germani. Dando slancio alla costruzione del nuovo palazzetto dello sport all'Eib, la signora Germana Taurisano, vedova di Armando Taurisano, grande allenatore che vinse tutto con Cantù, e Alice Pedrazzini, figlia dello storico patron della Pinti Inox che sfidò Milano negli anni ’80. Tante le figure storiche che si sono alternate sul palco dopo l’introduzione del sindaco di Chiari, Massimo Vizzardi, e dell’assessore Chiara Facchetti. Un comune da sempre legato al basket, come dimostrato dalla fondazione della società nel 1973 (oggi la prima squadra milita in D). A aprire le danze è stato Artur Kenney, il «rosso» del Simmenthal Milano agli albori degli anni ’70, seguito da altre leggende come Fabrizio Della Fiori e Franco Meneghel, vincitori di campionati e Coppe internazionali con Cantù, e Alberto Mattioli ex presidente del Crl e dal 1996 al 2008 responsabile delle Squadre Nazionali maschili. Brescia è stata tra le protagoniste di questi 100 anni. E continua a esserlo, essendo una delle poche province in Italia ad avere almeno una squadra dalla A alla Seconda Divisione. Il libro non sarà messo in vendita, come ha sottolineato Maggi. «La storia non si vende: è una condizione che ho posto agli autori per il completamento dell’opera». Una copia del manoscritto verrà inviata dal Crl a tutte le società affiliate alla Federazione Lombarda, e sarà presto disponibile per gli appassionati.•. © RIPRODUZIONE RISERVATA