Per le corsie laterali si punta sulla gioventù

di Fabio Pettenò
Fran Karacic: ha 26 anniAndrea Cistana: ha 25 anniJakub Labojko: ha 24 anni
Fran Karacic: ha 26 anniAndrea Cistana: ha 25 anniJakub Labojko: ha 24 anni
Fran Karacic: ha 26 anniAndrea Cistana: ha 25 anniJakub Labojko: ha 24 anni
Fran Karacic: ha 26 anniAndrea Cistana: ha 25 anniJakub Labojko: ha 24 anni

Il mercato del Brescia stenta a decollare. L’attesa entrata in scena del presidente Massimo Cellino è frenata dall’obiettivo di attendere l’occasione giusta per rinforzare la rosa a disposizione di Pep Clotet ma soprattutto dalle vicissitudini personali giudiziarie del numero uno di via Solferino. Il sequestro di 55 milioni di euro non riguarda il club biancazzurro. Più volte lo stesso Cellino e il direttore sportivo Giorgio Perinetti hanno voluto sottolineare questo aspetto. Ma è inevitabile che la vicenda sta provocando fastidio, visto che in sede sono più presenti avvocati che procuratori sportivi: «Qualcosa faremo - aveva ammesso Perinetti a margine dell’amichevole a Torbole Casaglia di mercoledì con il Lecco -. Cellino ci ha assicurato l’arrivo di 2-3 nuovi innesti per migliorare la qualità della squadra». In realtà gli obiettivi potrebbero essere 4. Nel summit di mercato di lunedì scorso tra presidente, allenatore e direttore sportivo è emersa la necessità di cercare due esterni di fascia, un centrocampista e un trequartista. Sulle corsie laterali di difesa il Brescia ha già bloccato Federico Pace e messo sul mercato Mattia Capoferri. L’ex esterno del Campobasso attende lo svincolo dalla Federcalcio dopo l’esclusione della sua ex squadra dalla Serie C per aggregarsi ai nuovi compagni. Pace sarebbe l’alternativa a Mathieu Huard, alle prese con problemi fisici. In alternativa resta vivo l'interesse per il gambiano Rob Nizet del Lecce. Altro nodo da sciogliere è l’assenza certa di Fran Karacic nel periodo del Mondiale in Qatar. Per sopperire all’assenza del terzino australiano il Brescia è tornato a valutare il belga Mats Lemmens del Lecce e ha sondato un paio di piste estere. Sia Nizet che Lemmens sono nati nel 2002: la conferma della linea verde che il Brescia intende tenere. Per un mercato attualmente stagnante Clotet gioca d'anticipo provando soluzioni con i giocatori a disposizione: a sinistra provati sia Mangraviti che Garofalo, a destra c’è l’idea Bertagnoli. A centrocampo l'obiettivo è trovare un alter ego di Tom van de Looi. Considerata la sicura partenza di Lorenzo Andreoli e quella probabile del polacco Jakub Labojko, Clotet ha chiesto un mediano di qualità. Il profilo? Un esubero dalla Serie A a cui dare la caccia verso fine mercato, che chiude il 31 agosto. Ma è sulla trequarti che il Brescia vuole piazzare il colpo ad effetto. Nei sogni di Cellino c'è il possibile ritorno di Matteo Tramoni dal Cagliari. L'arrivo in Sardegna del bomber Gianluca Lapadula dal Benevento e un feeling mai sbocciato con l’allenatore dei sardi Fabio Liverani sono le armi sulle quali fondare le speranze. Su di lui c'è però l'interesse dell'Olimpiakos e del Pisa. Nel ventaglio di nomi vagliati per la trequarti spiccano quelli di Mattia Aramu del Venezia e Patrick Ciurria del Monza. Anche in questo caso, però, non si esclude un colpo ad effetto di Cellino a fine mercato. Capitolo Andrea Cistana. Nonostante le ripetute smentite sulla sua possibile partenza, il centrale di Porta Cremona rimane oggetto del desiderio di Fiorentina, Udinese e Sampdoria. Il possibile approdo di Milenkovic all’Inter potrebbe portare d un effetto domino nel mercato dei difensori tra i quali verrebbe essere inserito anche il nome del pilastro biancazzurro. Cellino ha ribadito la valutazione di Cistana, fissata a 8 milioni euro. Ma nel computo di un ipotetico affare il Brescia potrebbe abbassare le pretese economiche inserendo contropartite utili a colmare le lacune della rosa. •. © RIPRODUZIONE RISERVATA