Brescia, Ndoj verso l’addio. Ma rispunta Bjarnason

Emanuele Ndoj: in partenzaBirkir Bjarnason, 31 anni: la scorsa stagione 6 reti in campionato FOTOLIVE
Emanuele Ndoj: in partenzaBirkir Bjarnason, 31 anni: la scorsa stagione 6 reti in campionato FOTOLIVE
Emanuele Ndoj: in partenzaBirkir Bjarnason, 31 anni: la scorsa stagione 6 reti in campionato FOTOLIVE
Emanuele Ndoj: in partenzaBirkir Bjarnason, 31 anni: la scorsa stagione 6 reti in campionato FOTOLIVE

Armando Ortoli è già operativo al 100 per cento. Il nuovo consulente di mercato del Brescia ha già preso possesso del nuovo ufficio al primo piano di via Solferino. Ruolo chiave, quello dell’ex dirigente del Venezia, chiamato da Massimo Cellino per gestire al meglio i casi spinosi e favorire trattative utili per rinforzare la rosa a disposizione di Filippo Inzaghi. Il nuovo dirigente biancazzurro è già salito nel ritiro di Darfo Boario Terme per fare il punto della situazione con il nuovo allenatore e il direttore sportivo Christian Botturi. La linea è quella espressa da Inzaghi domenica sera, dopo la seconda amichevole a Darfo: «Vogliamo costruire una squadra con giovani di qualità e giocatori esperti in grado di far divertire la gente, perché questo si merita il pubblico di Brescia». Tra le priorità di Ortoli, la questione legata al futuro di Alfredo Donnarumma. L’imbeccata di Inzaghi, domenica, non è stata casuale. L’attaccante ha il contratto in scadenza nel 2022, nessun accenno a scenari di rinnovo: l’unica via possibile sembra essere la cessione. Ortoli ha già preso in mano la situazione lavorando a stretto contatto con Mario Giuffredi, l’agente del calciatore. Sul tavolo non ci sono offerte concrete, ma solo timidi segnali provenienti da Monza e Salerno. Più defilata la Ternana. Donnarumma rientrerebbe nel classico giro di attaccanti che comprenderebbe Simy del Crotone e Torregrossa della Sampdoria. Ad oggi è il club di Berlusconi in vantaggio: a Donnarumma ha proposto un triennale. In caso di partenza di Donnarumma il Brescia ha scelto Lorenzo Colombo (19) del Milan. Contatti avviati da tempo. Della stessa scuderia di Giuffredi è Emanuele Ndoj. Il centrocampista sembra essere il più vicino a lasciare il ritiro di Darfo. Continui e costanti sono i contatti con la Salernitana. Come Donnarumma anche Ndoj è in scadenza. Il Brescia studia la formula. L’ipotesi: un’operazione alla Tonali, prestito con diritto di riscatto con possibilità di trasformarlo in obbligo in caso di salvezza. Il club potrebbe proporre a Ndoj l’intesa per il prolungamento come tutela prima di lasciarlo andare. A centrocampo prende corpo una clamorosa indiscrezione: il ritorno di Birkir Bjarnason. L’islandese ha sul piatto un’ offerta della Spal di Pep Clotet. Il mediano è nel mirino anche della Reggina ma allo stesso tempo strizza l'occhio a un clamoroso ritorno. Stimato da Inzaghi, legato al gruppo: da convincere c’è solo Cellino. Bjarnason a parte il Brescia lavora anche su altri fronti. L’obiettivo primario rimane Luca Garritano (27). Inzaghi non ha fatto mistero d’apprezzare l’eventuale sforzo del patron per prendere un gioiello per la cadetteria. Sfumato Federico Proia (25) passato al Vicenza, Garritano rappresenta l'innesto perfetto per il gioco dell’allenatore piacentino. Dal Cagliari potrebbe arrivare anche Federico Caligara (21) mediano attualmente inserito nella rosa a disposizione di Leonardo Semplici. In attacco Inzaghi ha chiesto un trequartista. Lo svincolato Antonio Di Gaudio (31) sarebbe l’ideale per il 4-3-2-1 del tecnico piacentino. Trattative in corso. Mollata la pista Patrick Ciurria (26) del Pordenone, valutato 3 milioni di euro. Troppo, come il valore attribuito a Jesse Joronen, 6 milioni per il cartellino. E così l'Udinese ha preso Silvestri dal Verona che a sua volta ha ingaggiato Montipò. E Joronen? Rimane il Milan, cerca un numero 12, ma non si esclude l’estero. •. © RIPRODUZIONE RISERVATA

Fabio Pettenò

Suggerimenti