Calvisano al completo per l’assalto all’ultima

Marco Susio, 27 anni, tre quarti ala del Calvisano
Marco Susio, 27 anni, tre quarti ala del Calvisano

Concluso il tour de force con vista play-off, ecco un’avversaria decisamente più abbordabile per il Kawasaki Calvisano. I campioni d’Italia in carica svuotano l’infermeria e scaldano i motori in vista della trasferta di dopodomani a Roma. La Lazio, che oggi comunicherà i risultati dei suoi tamponi, è inchiodata sul fondo della classifica. Parliamo di una squadra molto giovane e fin troppo inesperta per l’attuale campionato di Top10. Finora i biancocelesti, grandi esperti di salvezze in extremis, hanno collezionato solo sconfitte. Tuttavia, nel girone di ritorno hanno iniziato a creare qualche insidia alle rivali, recuperando nelle svariate batoste almeno 3 punti di bonus difensivo. In casa Pata Stadium finalmente sono arrivate le notizie migliori, con i rientri in gruppo (e con che entusiasmo!) di Kayle Van Zyl e Marco Susio. In particolare, l’estremo sudafricano non gioca una partita di campionato dal 28 novembre scorso, quando a Viadana venne messo ko da uno stiramento. In seguito, Van Zyl subì un ulteriore duro colpo in allenamento mentre era nella fase di recupero. Tuttavia, è più facile che i coach Lorenzo Cittadini e Gianluca Guidi, scelgano farlo partire dalla panchina a Roma. Si è inoltre completamente ripreso dalla contrattura pure l’ala Susio che 3 settimane fa aveva saltato il big match contro Rovigo. Il rientro di entrambi, rende quindi più gestibile la rotazione dei giocatori in campo. E va aggiunta la presenza certa dell’estremo Jacopo Trulla, reduce dagli impegni internazionali con la Nazionale italiana. Grazie a queste nuove disponibilità il Kawasaki ha ritrovato un assetto efficace per ritrovare la concentrazione e reggere l’urto di questo periodo. Pienamente arruolabile è infine Samu Vunisa che ha scontato la giornata di squalifica rimediata dopo l’espulsione contro il Petrarca Padova. Ai box sono rimasti solo i lungodegenti Michele Peruzzo, Nardo Barducci e Davide Zanetti. Se i primi 2 non hanno praticamente mai giocato a causa di infortuni piuttosto gravi, il 3° per via del fastidio al ginocchio tornerà solo nella prossima stagione. Da valutare all’ultimo per la trasferta romana ci sono le condizioni del tallonatore Matteo Luccardi, alle prese con nuovi problemi al collo. La regular season è ormai agli sgoccioli e in calendario mancano solo le sfide con Petrarca e Lyons mentre è ancora da fissare il recupero con Valorugby. Nel frattempo, la premessa verso la gara di dopodomani è doverosa: il Kawasaki deve battere come da pronostico la Lazio e riprendersi quindi il 3° posto in graduatoria. Se davvero andasse così, il collettivo giallonero si avvicinerebbe alle due fuggitive Petrarca Padova e Rovigo. Un successo indispensabile per galvanizzare l’ambiente e restituire un po’ di ottimismo dopo il turno di stop forzato con Valorugby. Del resto, la strada per la continuità passa anche da qui.•. F.G. © RIPRODUZIONE RISERVATA