SERIE A2 MASCHILE

Consoli, scacco alla regina. La rincorsa può proseguire

La squadra di Zambonardi infligge a Bergamo il primo ko di sempre in campionato Seconda affermazione consecutiva e classifica che torna finalmente a sorridere
Grande festa e selfie, come da tradizione dopo la vittoria, per la formazione bresciana che si è imposta nel derby contro la capolista
Grande festa e selfie, come da tradizione dopo la vittoria, per la formazione bresciana che si è imposta nel derby contro la capolista

Serata magica per Brescia che in un colpo solo agguanta tre obiettivi: ferma la capolista, imbattuta da ben 16 gare, interrompe la serie nera che durava da sempre (0-9 le vittorie) e soprattutto vendica la sconfitta patita a Bologna nella finale di Coppa Italia. Dopo 363 giorni Tiberti e compagni riescono a prendersi una bella rivincita, rimontando un set (il primo) di svantaggio e andando a vincere per 3-1 al termine di un quarto set drammatico. Il successo consente a Brescia di consolidare la sua posizione in classifica e tenere a bada le rivali playoff .«Divisi in campo, ma uniti nel dolore per le vittime del Covid» recita il mega striscione dei tifosi bresciani appeso in gradinata e sul parquet del San Filippo la battaglia inizia sin dalle prime battute con i bergamaschi che fanno la voce grossa con Terpin e Pierotti. Sotto 8-5, Brescia fatica a ricucire lo strappo anche perché sbaglia molto in battuta (24 alla fine) e concede qualcosa in attacco. Ci prova Galliani in battuta a dare la spinta in più alla sua squadra (18-16), ma da solo non può bastare e Bergamo si prende il primo set (25-20) in scioltezza. La partita cambia padrone già all'inizio del secondo set grazie ad un attacco di Galliani e a un muro di Candeli (5-3).Bergamo accusa il colpo e non riesce a reagire. Brescia invece allarga la ferita (8-4), controlla con una superiorità inaspettata gli avversari grazie al muro di Esposito (11-7) e soprattutto a quello di Cisolla (19-13) che fa perdere la bussola all'opposto Santangelo. Brescia prende in mano la gara e pareggia i conti con tre punti di fila, due di Esposito (uno in attacco e uno in battuta che chiude il set per 25-16) e uno di Galliani.La partita è di fatto riaperta e lo si vede da un combattutissimo terzo set con le due squadre incollate una all'altra. Un break di 4-0 sblocca il parziale sul 10-11, ma questa volta la reazione di Bergamo non si fa attendere (15-14). La controreplica affidata ad Esposito (muro galattico sull'ex Signorelli) è altrettanto pronta (17-14). Non è finita perché i bergamaschi rimettono il set in equilibrio (21-21). Un servizio vincente di Esposito sblocca ancora il parziale (23-21), mentre tocca a Galliani chiuderlo (25-23).Nel quarto set Brescia va subito sotto per 1-5, ma è capace di una grande rimonta per poi presentarsi al match point sul 24-21. La reazione di Bergamo non tarda: annulla tre palle match e va a sua volta al set point sul 24-25. Poi fa tutto Cisolla. Prima impatta con un attacco chirurgico, poi spaventa a muro Santangelo che spara fuori e infine chiude con un muro il tentativo di pallonetto di Finoli per il 27-25 finale..