OLIMPIADI

Iseppi, una prima contro le ostriche

La 24enne di Gardone Riviera apre la serie degli atleti bresciani in gara a Tokyo: appuntamento domani alle 5 del mattino nel 4 di coppia
Valentina Iseppi (prima da sinistra) impegnata in una gara nel 4 di coppia: la gardesana di Gardone Riviera, 24 anni, è alla prima partecipazione a un’Olimpiade. Con lei la casalasca Alessandra Montesano e le padovane Stefania Gobbi e Veronica LisiLa squadra italiana nel 4 di coppia: Valentina Iseppi è l’ultima a destra. Domani all’alba il debutto ai Giochi
Valentina Iseppi (prima da sinistra) impegnata in una gara nel 4 di coppia: la gardesana di Gardone Riviera, 24 anni, è alla prima partecipazione a un’Olimpiade. Con lei la casalasca Alessandra Montesano e le padovane Stefania Gobbi e Veronica LisiLa squadra italiana nel 4 di coppia: Valentina Iseppi è l’ultima a destra. Domani all’alba il debutto ai Giochi
Valentina Iseppi (prima da sinistra) impegnata in una gara nel 4 di coppia: la gardesana di Gardone Riviera, 24 anni, è alla prima partecipazione a un’Olimpiade. Con lei la casalasca Alessandra Montesano e le padovane Stefania Gobbi e Veronica LisiLa squadra italiana nel 4 di coppia: Valentina Iseppi è l’ultima a destra. Domani all’alba il debutto ai Giochi
Valentina Iseppi (prima da sinistra) impegnata in una gara nel 4 di coppia: la gardesana di Gardone Riviera, 24 anni, è alla prima partecipazione a un’Olimpiade. Con lei la casalasca Alessandra Montesano e le padovane Stefania Gobbi e Veronica LisiLa squadra italiana nel 4 di coppia: Valentina Iseppi è l’ultima a destra. Domani all’alba il debutto ai Giochi

Sarà Valentina Iseppi, 24enne di Gardone Riviera, sul 4 di coppia di canottaggio, la prima bresciana a gareggiare alle Olimpiadi di Tokyo. Lo farà domani mattina (alle 5 italiane, mentre in Giappone saranno le 12) in una batteria con Polonia, Francia, Cina e Australia. Le sue compagne sono Alessandra Montesano, 23, cremonese di Casalmaggiore (Fiamme Gialle/Eridanea), Veronica Lisi, 23 (Padova), e Stefania Gobbi, 26 (Carabinieri), entrambe padovane. Le prime 2 imbarcazioni entreranno direttamente nella finale di martedì, le altre andranno ai ripescaggi di domenica. Oltre a lottare contro avversarie di vaglia, le azzurre dovranno sfidare le… ostriche. Nel bacino del Sea Forest Waterway si è verificata una proliferazione di tali molluschi, che si sono attaccati ai galleggianti frangiflutto. Gli organizzatori hanno cominciato a rendersene conto nel vedere che le boe affondavano. Parte dell’attrezzatura, che copriva una lunghezza di 5 chilometri di area, è stata portata a terra. E squadre di sommozzatori hanno provveduto alla pulizia. Così per rimuovere le ostriche (ben 14 tonnellate) si sono spesi un milione e 100 mila euro. Nella prima batteria di domani (da noi sarà l’alba, le 4.50) si affronteranno Gran Bretagna, Germania, Nuova Zelanda, Olanda e Stati Uniti. Alle 5, nella seconda, la batteria dell’Italia. Da tempo Iseppi difende i colori dell’Aniene di Roma, il club del presidente del Coni Giovanni Malagò. Ma è nata e cresciuta sul lago, a Gardone Riviera. Papà Roberto, appassionato dello sport del remo, campione sulle bisse con Foscarina, l’ha sempre spronata e aiutata: «Valentina, eri una ragazzina quando hai iniziato a fare canottaggio con alcuni compagni di classe - –rammentava ieri in un post Renzo Mulazzi, che l’ha lanciata nel Circolo Gabriele D’Annunzio -. Eravate in 15, di prima e seconda media, una squadra fortissima che vinceva medaglie ovunque. Siete arrivati secondi e terzi agli studenteschi, portando la vostra scuola ai vertici nazionali. Sono passati molti ragazzi forti, ma nessuno ha avuto la forza e la costanza di continuare con tanta dedizione come hai fatto tu». E ancora: «Non si ottiene nulla senza impegno e sacrificio. Tu hai conquistato risultati che pochi atleti riescono a raggiungere. Ora hai raggiunto il massimo obiettivo: l'Olimpiade, il punto finale di tanti anni di allenamenti, gare e sacrifici. Complimenti anche alla tua famiglia, che ti ha sempre sostenuto e incoraggiato. Siamo orgogliosi di averti avuto come atleta, dell’esempio che sei per i nostri giovani, del tuo percorso sportivo che, iniziato da bambina, ti ha portato a vincere un Mondiale. Sei la dimostrazione che un sogno può diventare realtà. Sarai sempre la nostra grande Valentina. E tutti insieme gridiamo: Forza Valentina». Pochi minuti, e lei ha risposto da Tokyo: «Grazie mille, vi porto sempre nel cuore». Nel 4 di coppia è stata la Germania a imporsi ai Giochi di Rio 2016, precedendo Olanda e Polonia. Gli ultimi Mondiali, nel 2019, hanno visto il successo di Cina, davanti a Polonia e Olanda. L’Italia non parte favorita. Nella prova di coppa, disputata a Sabaudia in giugno, è arrivata seconda, alle spalle delle tedesche, riuscendo però a battere Polonia e Olanda. •. © RIPRODUZIONE RISERVATA

Sergio Zanca

Suggerimenti