La Coppa Tokyo riporta alla ribalta Michele Lamberti

Michele Lamberti (Gam Team)
Michele Lamberti (Gam Team)

Il traguardo è lontano, l’obiettivo sono i grandi appuntamenti della prossima estate. Però i nuotatori bresciani sono tornati in acqua con la mente già focalizzata sull’orizzonte. Dopo gli Assoluti disputati nel mese di marzo, il nuoto bresciani si è rituffato nella seconda parte della stagione. La quinta tappa della Coppa Tokyo ha dato il via alla sessione primaverile, una parentesi importante di preparazione all’estate densa di appuntamenti. Torna a splendere la stella di Michele Lamberti, classe 2000 tesserato per la Gam Team e le Fiamme Gialle. Dopo essere stato costretto al forfait dagli Assoluti Italiani (nei quali era in odore di più di una medaglia d’oro) a causa del Covid, il secondogenito di Giorgio Lamberti e Tanya Vannini ha iniziato la marcia di avvicinamento ai prossimi appuntamenti con due ottime prove nei 100 dorso e nei 100 stile, chiusi rispettivamente con i tempi di 51“68 e 48“09. A conti fatti sono state le due prove migliori del fine settimana andato in scena a Lamarmora e hanno restituito al movimento bresciano uno dei suoi atleti di maggior valore già fortemente proiettato sugli obiettivi dei prossimi mesi. Continua a far parlare di sé anche Michela Caglio, atleta del 2003 tesserata per la Gam Team che infila la concorrenza nei 200 stile libero. Al tocco delle piastre il cronometro si ferma a 2’00“05 per un totale di 778 punti Fina che le valgono la terza miglior prestazione della due giorni di via Rodi. Quarto tempo bresciano per un’altra atleta della Gam, altra reduce dagli Assoluti di Riccione. Si tratta di Giorgia Tononi, travolgente nei 400 stile, chiusi fermando il cronometro in 4’16“07. La Gam si porta nella top ten anche con Noemi Lamberti, bravissima nei 200 stile (2’01“37). Il resto della scena se la prendono Aquatic Center Montichiari e An Brescia. La squadra monteclarense firma la quinta miglior prestazione bresciana del weekend con Matteo Cantoni nei 200 stile libro (in 3’52“84). Il classe 2004 dell’Aquatic entra anche all'ultimo gradino della top ten grazie alla prova dei 200 stile (1’50“63). Si conferma specialista nelle lunghe distanze, invece, il 2005 Giuseppe Davide Bonavota, altro nuotatore tesserato per la società monteclarense di Gianpaolo Bassini. Sua la settima e ottava prestazione cronometrica della due giorni di Coppa Tokyo grazie ai crono segnati nei 400 stile (3’54“50) e nei 1500 stile (15’39“25). Anche l’An Brescia può tornare a sorridere. Merito di Riccardo Saita, un nuotatore nato nel 2003 che si impone con un ottimo 1’50“57 nella competizione dei 200 stile libero. •. © RIPRODUZIONE RISERVATA

Alberto Armanini sport@bresciaoggi.it

Suggerimenti