Master Rapid Skf: una promozione internazionale

Leonardo Bombardi, Andrea Mazzarello  e Francesco Sergi (Master): oroVeronica Vitali (Forza e Costanza) a destra con la felpa grigia: terza
Leonardo Bombardi, Andrea Mazzarello e Francesco Sergi (Master): oroVeronica Vitali (Forza e Costanza) a destra con la felpa grigia: terza
Leonardo Bombardi, Andrea Mazzarello  e Francesco Sergi (Master): oroVeronica Vitali (Forza e Costanza) a destra con la felpa grigia: terza
Leonardo Bombardi, Andrea Mazzarello e Francesco Sergi (Master): oroVeronica Vitali (Forza e Costanza) a destra con la felpa grigia: terza

Un ritorno esplosivo dall’estate. Dopo la pioggia di medaglie alla Turin Cup della scorsa settimana, ecco un altro fine settimana da incorniciare per i karateka bresciani. Al 21° Karate Croatia Open, organizzato a Rijeka, arrivano ben 10 podi: 2 ori, 4 argenti e 4 bronzi le medaglie portate a casa dai portacolori delle società della provincia in una competizione che ha visto sui tatami croati ben 1280 atleti provenienti da 19 Nazioni, con 232 club provenienti da tutta Europa. La gara era inoltre evidenziata dalla Commissione nazionale attività giovanile (Cnag), al fine di monitorare gli atleti in vista dei Mondiali. L’Italia è la seconda nel medagliere, mentre la Master Rapid SKF CBL è l’indiscussa stella bresciana per un totale di 9 medaglie, delle quali 8 nella specialità del kata e un nel kumite. Doppietta per Miriam Ederar, oro nella junior e argento nella U21, e Oscar Moretti, argento nei cadetti e bronzo negli junior. Medaglia d’argento anche per Giada Noris nella junior e bronzo per Andrea Mazzarello nella senior. La Master Rapid SKF CBL non si fa scappare il podio nemmeno nella gara a squadre conquistando l’oro nella junior maschile, con la formazione composta da Leonardo Bombardi, Andrea Mazzarello e Francesco Sergi; e il bronzo nella junior femminile con Miriam Ederar, Giada Noris ed Elisa Vieni. L’ultima medaglia nel kumite viene conquistata da Aurora Pendoli che è d’argento nella U21 -61 chili superando le connazionali Graziosi e Marturano, di recente medagliate agli internazionali e cedendo solo in finale. Due finali per il bronzo, ma finite con Matilde Micheli, Eros Moretti e Leonardo Birra giù dal podio. Medaglia di bronzo e di grande valore per Veronica Vitali, portacolori della Forza e Costanza, nella categoria -48 chili juniores. La karateka ha condotto una gara esemplare, uscendo di misura solo in semifinale nonostante il pareggio per 2-2 con l’italiana Cappai, in possesso dello shensu, che le ha permesso il passaggio alla finale. Intensa e combattuta invece la finale per il bronzo, dove Veronica, nonostante lo svantaggio per 2-0 maturato nella parte iniziale, è riuscita a piazzare una serie incredibile di tecniche e a prevalere sulla campionessa montenegrina Backovic con un risultato finale di 9-2. Buona prova e 5° posto nella categoria U21 femminile per le atlete Anna Guerii nei -50, Federica Loda nei -61 e Valentina Simonini nei -68. Da segnalare il 5° posto di Giada Cornolò, portacolori del Karate Nakayama, nella categoria -59 chili junior e il 7° di Manuel Genocchio nella cadetti - 63 chili. Due piazzamenti di grande valore che permettono ai ragazzi di acquisire un importante bagaglio di esperienze in vista delle prossime competizioni. E di sicuro quello sostenuto in Croazia è un test probante, non solo perché si trattava di un appuntamento internazionale. •. G.F. © RIPRODUZIONE RISERVATA