Nadia Fanchini applaudita assieme a Elena e Dada

Nadia Fanchini con Elena
Nadia Fanchini con Elena

Tantissimi consensi in sala anche per Nadia Fanchini, atleta storica nel campo degli sci: tredici volte sul podio in gare di Coppa del Mondo, l’anno scorso ha partecipato all’intera stagione del circuito bianco iridato ed è arrivata dodicesima nel supergigante nella XXIII edizione dei Giochi olimpici invernali di Pyeongchang. Ieri sera Nadia ha ricevuto l’ennesimo riconoscimento. Sul palco è salita assieme alla sorella Elena e alla compagna di avventure Daniela Merighetti. Nadia vede considerati i grandi risultati raggiunti, ma anche Elena e Daniela sono delle leggende per lo sci nazionale ed internazionale, un orgoglio per lo sport bresciano. E il pubblico al San Barnaba, che ha battuto le mani più che mai alla loro chiamata sul palco, questo lo sa bene. Daniela Merighetti ha smesso di gareggiare due anni fa, ma nel 2012 ha vinto la Coppa del Mondo nella discesa libera di Cortina D’Ampezzo e nel 2014 è arrivata terza in Coppa Europa. ELENA Fanchini, ora ferma per un infortunio, ha alle spalle un argento ai campionati mondiali di sci alpino, un argento e un bronzo ai Mondiali juniores. E poi c’è Nadia Fanchini, che ha raggiunto buonissimi risultati anche quest’anno: ai Mondiali di Are si è qualificata quattordicesima nella discesa libera e quinta nel supergigante. «È SICURAMENTE una soddisfazione essere qui in questo momento – dice l’atleta bresciana –, ed è sempre un onore. Questo è un riconoscimento che sento tanto, perché vuol dire che nel tuo sport sei considerato il migliore. È bello che dopo tanti sacrifici e nonostante qualche infortunio si raggiungano i risultati sperati. Sono anche felice che abbiano voluto salutare mia sorella e Daniela: in questa occasione ho davvero sentito il caloroso abbraccio dei bresciani, ne sono molto contenta».

B.M.