Nadia Fanchini, che rabbia: quarta pure in supergigante

Nadia Fanchini in azione
Nadia Fanchini in azione

Ancora a un soffio dal podio nella seconda prova veloce dei campionati italiani di Santa Caterina Valfurva. Nadia Fanchini ha concluso al quarto posto il supergigante dietro Nicol Delago, Johanna Schnarf e Sofia Goggia. La bresciana ha accusato 75 centesimi di distacco dalla neo-campionessa e solo 6 dalla Goggia. Davvero un podio sfumato per pochissimo. Nello sci alpino purtroppo i distacchi si misurano in centesimi e centimetri: basta pochissimo per passare da protagonista a comprimaria. È quello che è accaduto in queste 2 giornate di gara a Nadia-jet, rimasta per 2 volte di seguito ai piedi del podio. NELLA LOCALITÀ che tante volte l’ha vista primattrice non è riuscita a entrare tra le prime 3 della classe, ma ha confermato di essere sulla strada giusta per tornare più competitiva. I propositi di ritiro li ha chiusi in un cassetto e mette nel mirino il Mondiale di Are, in Svezia, e naturalmente la Coppa del Mondo. È però dispiaciuta per non aver centrato quantomeno un podio: «Ci tenevo a fare bella figura a Santa Caterina Valfurva - assicura Nadia Fanchini -. Credo di esserci riuscita, anche se non è arrivata la medaglia. I propositi di ritiro? Dovrò dimenticare i dolori che mi affliggono: intendo continuare». In campo maschile i gemelli Giovanni e Alessandro Franzoni hanno chiuso al 37° e 64° posto assoluto, al 30° e 57° tra gli italiani. Le gare tricolori sono inserite nel calendario Fis, alle quali possono partecipare anche atleti stranieri. Il titolo è andato a Matteo Marsaglia. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

A.MAS.