Nadia Fanchini, l’ora del debutto
Ma c’è una pista sfortunata

Nadia Fanchini sarà impegnata oggi nel gigante di Soelden
Nadia Fanchini sarà impegnata oggi nel gigante di Soelden
Nadia Fanchini sarà impegnata oggi nel gigante di Soelden
Nadia Fanchini sarà impegnata oggi nel gigante di Soelden

Per la nona volta sulla Rettenbach a Soelden in Austria per conquistare quantomeno una top ten di giornata: Nadia Fanchini sarà al via dello slalom gigante che aprirà la stagione di Coppa del Mondo su una pista che però raramente le ha regalato soddisfazioni.

Nelle otto presenze precedenti il miglior risultato l’ha conquistato due anni fa quando concluse nona, mentre nel 2015 è stata undicesima. Altre due volte ha tagliato il traguardo finale: nel 2004 al debutto si classificò ventiseiesima, tre stagioni fa colse la quattordicesima piazza. Tre volte è stata out, una non si è qualificata per la seconda manche. Non è davvero un grande score...«Non ho mai avuto un feeling particolare con questa pista anche se in una delle due manche alcune volte ho sciato bene – dice Nadia -. Spero di iniziare la nuova stagione con una bella prestazione: viatico giusto per un’annata che si annuncia quantomai lunga e faticosa».

L’Italia punta molto su lei e Federica Brignone. Le pesa questa responsabilità? «Per nulla. Sciare è il mio mestiere, è l’unico che so fare peraltro per cui è giusto avere qualche responsabilità nei confronti di tecnici, sponsor, tifosi e familiari. Arrivo in Austriacon le carte in regola per fare bene: durante la preparazione estiva e successivamente sui ghiacciai sud-americani e europei mi sono allenata senza problemi fisici. Sono nelle condizioni ideali per ottenere un buon risultato. Nei test sostenuti ho avuto riscontri cronometrici significativi che mi lasciano bene sperare, anche se un conto sono i test, un altro la gara».

Sarà proprio il gigante la specialità che cercherà di affrontare con più circospezione rispetto alle prove veloci? «Direi proprio di no. Nelle ultime due stagioni, nell’ultima soprattutto, ho dimostrato che posso lottare per il podio sia in gigante che nelle prove veloci. Pertanto inizio la nuova stagione con l’obiettivo di impegnarmi a fondo in tre specialità. Strada facendo, in base anche ai risultati decideremo se proseguire su questa strada o cambiare. Credo proprio però di continuare sulla falsariga delle ultime due stagioni». La prima manche dell’opening di Soelden è programmata alle 10, la seconda alle 13, diretta su Raisport e Eurosport.A.M.