Papa e Apollonio, oro nel doppio per Salò

Martin Papa e Andrea Apollonio, oro nel doppio junioresGiulia Macchia Giovanni Monaco
Martin Papa e Andrea Apollonio, oro nel doppio junioresGiulia Macchia Giovanni Monaco

Il canottaggio è ripartito dal lago di Pusiano, situato tra le colline della Brianza all’interno del Parco della Valle del Lambro, in provincia di Lecco, un luogo molto apprezzato da scrittori e artisti, come Parini, Monti, Porta, Manzoni, Stendhal e Segantini, il pittore. Ben 458 atleti di Lombardia, Lazio, Liguria, Piemonte e Veneto, in rappresentanza di 41 sodalizi, hanno partecipato alla Rowing Winter Challenge, la gara di fondo sulla distanza di 6 chilometri. Moltrasio ha conquistato il maggior numero di successi (6), davanti a Retica (5), Cernobbio (4), Gavirate, Menaggio e Monate (3). Un oro per la Canottieri di Salò, con Martin Papa e Andrea Apollonio nel doppio junior. In 21 minuti e 45 secondi hanno battuto l’equipaggio composto da Marco Gilardoni (Menaggio) & Luca Borgonovo (Cernobbio), che hanno fermato il cronometro sul tempo di 21’53”, e Mario Guareschi & Paolo Gregori (Baldesio) in 21’59”. NEL QUATTRO di coppia cadetti argento per Attilio Storari, Giovanni Longo Simonini, Samuele Prati e Nicola Pretto (25’22”), preceduti da Alessandro Dotti, Jacopo Moretti, Matteo Pellegrino e Davide Pidutti di Cernobbio (25’03”). Argento anche per Giulia Macchia, nel singolo ragazze, in 28’53”20, dietro Silvia Tarelli di Menaggio (28’46”70). Identico risultato nel singolo under 23 per Vittoria Tonoli (26’26”), costretta a inchinarsi alla maggiore vigoria di Silvia Crosio degli Amici Fiume (25’25”). Tanta rabbia per l’otto, categoria ragazze, che, dopo avere guidato a lungo la gara, per un errore ha dovuto fermarsi, e ripartire. Così Anna Benedetti, Laura Benedetti, Eleonora Bogoni, Giada Copeta, Gemma Fontana, Giulia Maroni, Anna Salvadori, Carlotta Zanca e la timoniera Camilla Zanni (25’49”50) sono state beffate in volata da Moltrasio (25’45”20). Bronzo per Benedetta Chiara Bertelli e Priscilla Olivetti nel doppio under 23, in 24’48”, superate da Bissolati e da Amici Fiume/Aetna. Emanuele Distaso è giunto terzo nel singolo junior, in 25’04”, alle spalle di Stefano Solano (Tremezzina) e Edoardo Origgi (Pescate). I VOLONTARI del Garda hanno messo in evidenza Giovanni Monaco e Alberto Caviezel. Monaco, il poliziotto che è l’istruttore del Circolo, nel singolo master, ha ottenuto un brillante secondo posto in 26’50”10, dando vita a un avvincente duello con Matteo Ciapparelli del Cus Milano (26’48”60), che lo ha anticipato di un soffio. Più lontano Daniele Sbardolini del Sebino (27’12”). Nel singolo ragazzi Caviezel (26’20”70) è arrivato terzo, alle spalle di Maximilian Riboni (Corgeno) e Maichol Brambilla (Eridanea). Alle premiazioni non ha voluto mancare il presidente della Federazione italiana canotaggio, Carmine Abbagnale, che col fratello Giuseppe e il timoniere Giuseppe Di Capua ha segnato la storia del canotaggio italiano e internazionale, vincendo, nel corso degli anni Ottanta e Novanta due edizioni delle Olimpiadi e sette Mondiali nella specialità del due con. Quando il fratello si è ritirato, Carmine ha conquistato un altro titolo iridato, con Gioacchino Cascone. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Sergio Zanca