Raffiche da record:
annullato il gigante
del trionfo azzurro

Nadia Fanchini in azione
Nadia Fanchini in azione
Nadia Fanchini in azione
Nadia Fanchini in azione

Il vento cancella un probabile trionfo azzurro a Courchevel in Francia mentre a Bormio Bresciasci si impone con Francesco Sorio.

Nel quarto slalom gigante di Coppa del Mondo in terra transalpina il direttore della challenge mondiale Skaardal ha prima interrotto due volte la prima manche, poi l’ha annullata posticipandola di due ore, alle fine ha addirittura cancellato la gara. Al momento dello stop, dopo che erano scese in 19, Sofia Goggia era prima davanti a Federica Brignone, alla norvegese Loeseth, a Marta Bassino e alla svizzero-bresciana Lara Gut.

SOLO DODICESIMA Nadia Fanchini, scesa per sedicesima dopo qualche minuto di stop. Ma quando è scattata dal cancelletto di partenza è stata avvolta subito da folate di vento eccezionali che non le hanno permesso di vedere oltre il proprio naso. Nikky è entrata subito nel cancello del parterre con un diavolo per capello. Ha rischiato troppo senza concludere nulla.

Dopo altre tre discese la gara è stata prima interrotta, poi posticipata, alla fine cancellata. Ma bisognava proprio far rischiare l’osso del collo alle atlete prima di prendere la decisione giusta?

A Bormio, in Valtellina, nel Gran Prix Italia dove la vittoria assoluta nello slalom speciale è toccata a Andrea Testa, il valtrumplino Francesco Sorio ha chiuso sesto assoluto ma primo nella challenge giovanile riservata ai tesserati nati dal 1996 al 2000. Francy ha accusato pochi decimi di ritardo dal vincitore assoluto, ma ha colto il successo nella sua categoria con ampio margine.

Angiolino Massolini

Suggerimenti