Tagliani e Tonelli vogliono recitare ancora da grandi

di Angiolino Massolini
Filippo Tagliani, 26 anni, di Soprazocco: sempre protagonista di fughe a lungo raggio  FOTO DRONE HOPPER ANDRONIAlessandro Tonelli, 29 anni, di Bornato: sta correndo il Giro d’Italia per la terza volta FORO BARDIANI CSF
Filippo Tagliani, 26 anni, di Soprazocco: sempre protagonista di fughe a lungo raggio FOTO DRONE HOPPER ANDRONIAlessandro Tonelli, 29 anni, di Bornato: sta correndo il Giro d’Italia per la terza volta FORO BARDIANI CSF
Filippo Tagliani, 26 anni, di Soprazocco: sempre protagonista di fughe a lungo raggio  FOTO DRONE HOPPER ANDRONIAlessandro Tonelli, 29 anni, di Bornato: sta correndo il Giro d’Italia per la terza volta FORO BARDIANI CSF
Filippo Tagliani, 26 anni, di Soprazocco: sempre protagonista di fughe a lungo raggio FOTO DRONE HOPPER ANDRONIAlessandro Tonelli, 29 anni, di Bornato: sta correndo il Giro d’Italia per la terza volta FORO BARDIANI CSF

Ancora in corsa per cercare di migliorare la classifica ottenuta nelle loro precedenti presenze: Alessandro Tonelli (Bardiani Csf Faizanè) e Filippo Tagliani (Drone Hopper Androni) dopo il riposo di ieri, sono chiamati a concludere nel miglior modo possibile l’avventura rosa. Tonelli sta correndo il suo terzo Giro d’Italia dopo quelli affrontati nel 2018 e 2020. Due anni fa ha concluso al 51° posto, mentre l’anno prima si è ritirato prima della partenza della 18ª tappa per via di problemi fisici. Rispetto al recente passato il corridore di Bornato ha cambiato modo di correre: non più all’attacco da lontano per andare a caccia di traguardi intermedi, bensì attento alle eventuali situazioni favorevoli. Ad una settimana dalla conclusione occupa il 66° posto a 1h53’07” dalla maglia rosa Richard Carapaz e solo sporadicamente si è inserito nelle fughe a lunga gittata che hanno contraddistinto a lungo il suo modo di affrontare le corse. Una decisione venuta dall’alto o le condizioni non ottimali? Questa settimana ne sapremo di più. Tagliani, chiamato a sostituire in extremis il compagno di squadra Restrepo non al top delle condizioni fisiche, sta disputando un buon Giro. Finora ha percorso ben 581 chilometri in fuga a soli 36 da quelli affrontati dal suo compagno di club Mattia Bais. Nella classifica dei traguardi volanti è primo con 76 punti, con 23 di vantaggio proprio su Bais. È anche 7° nella classifica a punti avendone racimolati finora 70. In testa come da pronostico il francese Arnaud Demare con 238 punti. Demare ha già conquistato 3 tappe in questa edizione. Nelle prossime giornate sarà chiamato ad un impegno quantomai severo perché le salite da superare sono davvero numerose. Ma intende concludere la corsa all’Arena di Verona per portare in porto i podi nelle due classifiche speciali che lo vedono al momento al secondo e primo posto. Un anno fa ha chiuso al 123° posto, attualmente occupa il 148° con 3h46’32” di distacco da Carapaz. Al via da Budapest si era schierato anche Jakub Mareczko (Alpecin Fenix), il quale è stato 5° nella terza frazione, l’ultima disputata in Ungheria con arrivo a Balatonfured. Poi si è ritirato nella tappa dell’Etna. Oggi il Giro parte da Salò, domani da Pontedilegno. L’occasione per Tagliani e Tonelli di rimettersi in mostra. •. © RIPRODUZIONE RISERVATA