Punti di raccolta, numeri utili, conti correnti

Da Verona all'Ucraina: un vademecum delle iniziative di solidarietà della nostra provincia

La bandiera Ucraina sventola in piazza Bra (foto Marchiori)
La bandiera Ucraina sventola in piazza Bra (foto Marchiori)
La bandiera Ucraina sventola in piazza Bra (foto Marchiori)
La bandiera Ucraina sventola in piazza Bra (foto Marchiori)

Mentre infuria la guerra in Ucraina, Verona e il Veneto si sono messe in gioco per aiutare la popolazione colpita dai bombardamenti, sia quella rimasta in patria sia i tanti profughi arrivati in questi giorni in Italia.

In questo spazio dedicato sul nostro sito, ricapitoliamo tutte le iniziative messe in campo per aiutare l'Ucraina e il suo popolo. Scriveteci a redazioneweb@larena.it per aggiornare o aggiungere altre iniziative di solidarietà.

 

VENETO

  • È stata istituita dalla Regione Veneto una raccolta fondi. I versamenti vanno intestati a 

REGIONE DEL VENETO - Causale SOSTEGNO EMERGENZA UCRAINA - Iban IT65G0200802017000106358023 - Bic/swift UNCRITM1VF2

 

VERONA

  • Per chiunque volesse fornire aiuti oppure offrire ospitalità,  può farlo scrivendo un’email a veronaperucraina@comune.verona.it gestita dai Servizi Sociali del Comune di Verona dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13: oppure contattando il numero verde 800085570 dello Sportello SI di ascolto dei Servizi Sociali
  • Raccolta  nella sede della Protezione civile al Quadrante Europa in via Sommacampagna 22/A, Verona.
    I beni vanno consegnati da lunedì al sabato dalle 9 alle 12 e il martedì e giovedì anche il pomeriggio dalle 15 alle 17.
    Nel capannone adibito a magazzino si possono portare: generi alimentari a lunga conservazione, prodotti per l’igiene (sapone, bagno schiuma, dentifricio), prodotti per la prima infanzia (biberon, pannolini, salviette), medicinali con scadenza ad almeno un anno. Per informazioni si può contattare il numero 045-8052113.
  • Raccolta fondi di Banco BPM #SOStegnostraordinario che coinvolge il personale, gli organi consiliari, gli ex dipendenti del Gruppo bancario e anche tutti i clienti che potranno effettuare una donazione tramite bonifico bancario e dai prossimi giorni anche tramite home banking e APP (Iban: IT76Y0503401647000000009900 Causale: Insieme a Caritas Italiana per l'emergenza Ucraina).
  • Donazione con bonifico bancario a ASSOCIAZIONE DI CARITÀ SAN ZENO ONLUS IBAN: IT 40 Z 05018 11700 000017091380 con causale: EMERGENZA UCRAINA (maggiori informazioni al numero 045 2379300 o tramite mail segreteria@caritas.vr.it o donazioni@caritas.vr.it)
  • Donazione con bollettino postale ASSOCIAZIONE DI CARITÀ SAN ZENO ONLUS conto corrente postale: 001006070856 con causale: EMERGENZA UCRAINA
  • Donazione sul conto speciale dell’Ambasciata d’Ucraina in Italia: Ambasciata d’Ucraina IBAN: IT20R0200805001000106358350 SWIFT: UNCRITM1886 Unicredit adress filiale di Roma V.D.C.SO B-FOR. 36000, va specificata la causale del bonifico ‘Accoglienza Ucraina’ 
  • Raccolta di medicinali degli universitari veronesi dal lunedì al venerdì in via Campofiore (qui i dettagli)
  • Sul sito www.rotaract2060.it è attiva una pagina per chi volesse inviare aiuti alla popolazione Ucraina, attraverso il Distretto RotarAct
  • "Casa della Musica", centro di educazione musicale fondato dalla maestra Marta Benciolini,  tutti i pomeriggi dalle 16 alle 19.30, e il sabato mattina dalle 9 alle 11.30, adibisce la sede di via Monte Ortigara 18 a punto di prima raccolta delle donazioni provenienti dai cittadini. I beni più urgenti sono latte in polvere e biberon per bambini, pannolini, creme e saponi per neonati, sapone (di Francesca Saglimbeni).
  • La Provincia Veneta dei Carmelitani Scalzi che ha sede a Verona in Vicolo Carmelitani Scalzi, n. 13 ha deciso di aprire le proprie porte ai profughi provenienti dall'Ucraina e ha attivato una raccolta di offerte per il sostegno a queste persone e a questi luoghi di assistenza diretta. Chi vuole contribuire lo può fare utilizzando questo conto intestato a "Provincia veneta dell'Ordine dei Carmelitani Scalzi Iban: IT37F0306918468100000001971 BIC: BCITITMM Intesa Sanpaolo spa, agenzia N. 50344, Verona.
  • L’Ispettoria del Triveneto della famiglia di Don Bosco per il tramite del proprio Ispettore, Don Igino Biffi si muove per l’Ucraina. Don Maksym Ryabukha, salesiano direttore della Casa “Maria Ausiliatrice e dell’oratorio di Kiev sentito telefonicamente fa sapere che “ogni giorno è sempre più difficile e l'ospitalità diventa opera. Da voi cerchiamo vicinanza, la capacità di dire la verità e la vicinanza spirituale con la preghiera.” È partita una raccolta fondi queste le coordinate bancarie pro missioni: iban IT47R0503402077000000005102, causale: aiuto per l'Ucraina. 
  • L'associazione Malve di Ucraina c/o Casa di Ramia, ha un conto raccolta fondi:: IT09 U 05018 11700 000017159963 - Swift: CCRTIT2T84A c/o Banca Etica, filiale di Verona Piazza San Zeno, 1 - 37123 (VR). Malve di Ucraina ha anche avviato l'iniziativa «Scatola vita» con i beni di prima necessità.
  • Raccolta fondi su due conti correnti per contribuire alle missioni umanitarie di Sfera onlus: il C/C dedicato al sostegno Ucraina intestato a LES PETITS PAS Intesa San Paolo IBAN: IT42J0306909606100000186182 e il C/C intestato a SFERA SOCIETA’ COOPERATIVA SOCIALE ONLUS Unicredit Banca IBAN: IT35U0200859752000104977582
  • Campagna di raccolta beni di prima necessità nei discount ALDI. Terminata la spesa, è possibile lasciare in apposite ceste oltre le casse i beni da donare ai cittadini ucraini. Tutto il materiale raccolto sarà recuperato dalla Protezione civile comunale e inviato in Ucraina o ai confini.
  • Raccolta di beni di prima necessità a casa di Hennadiy Kharchenko, in via Antonio Avena 7 a San Michele Extra, fino a venerdì 25 marzo, dalle 10 alle 18, per portare coperte, cibi confezionati a lunga scadenza, zucchero, farina, medicinali da banco e prodotti per l’igiene personale. Al Centrofer di San Michele si possono comprare kit di primo soccorso a prezzo simbolico, che Hennadiy porterà in Ucraina.
  • Il Comune di Verona organizza corsi gratuiti di italiano per gli ucraini, che inizierà a metà aprile. Iscrizioni fino all'11 aprile. Informazioni QUI.

 

PROVINCIA DI VERONA

  • Il Comune di Costermano sul Garda ha accolto l'appello delle autorità ucraine con l'attivazione di una raccolta medicinali - sia per adulti sia pediatrici - quali antipiretici e sciroppi per la tosse, acquistabili presso la Farmacia Costermano in piazza della Repubblica, 2 nei seguenti orari di apertura: dal lunedì al venerdì 09.00-12:30/15:30-19:20 - sabato 09.00-12.20. Prima consegna donazioni all'hub nazionale raccolta aiuti del Quadrante Europa tramite la Protezione Civile di Costermano sul Garda prevista per mercoledì 30 marzo.
  • Angiari: raccolta di beni di prima necessità il sabato dalle 9.30 alle 11.30 e dalle 14.30 alle 17.30 nella sala polifunzionale di piazzale San Michele.
  • Bovolone: è aperto in via Garibaldi 52 a Bovolone il centro «Raccolta aiuti per L’Ucraina», al quale donare viveri e altri beni di prima necessità: è possibile portare beni tutti i giorni, compresi i festivi, dalle 9 alle 12:30 e dalle 15:00 alle 18:30. Si accetta tutto tranne vestiario e farmaci. (Ro.Ma)
  • Buttapietra: al bar del circolo Noi di Marchesino dalle 15.30 alle 17.30 si raccolgono beni di prima necessità
  • Costermano: chi potesse ospitare dei rifugiati, può contattare il coordinamento Baldo-Garda-Adige a cdg.oltreilconfine@gmail.com o al 3509839274
  • Illasi: raccolta al magazzino comunale di Santa Giustina. Martedì e sabato 8.30-12.30 e 15-18
  • Isola della Scala: raccolta di beni di prima necessità in via Grassi 3 dalle 10 alle 12.30
  • Lavagno: chi potesse ospitare uno o più rifugiati, può lasciare un messaggio al 3456775292 e verrà ricontattato
  • Legnago. A Legnago il Comune, in collaborazione con il Gruppo Alpini del capoluogo e l’associazione «Malve di Ucraina», ha avviato una raccolta di farmaci e beni di prima necessità nella sede della Protezione civile in via Olimpia, accanto allo stadio «Mario Sandrini» di Casette. I cittadini dal lunedì al sabato, dalle 10 alle 12 e dalle 16.30 alle 18.30 potranno consegnare farmaci, prodotti alimentari a lunga conservazione e per bambini, ma anche brandine, sacchi a pelo, lenzuola, coperte termiche e kit per il pronto soccorso. (di Fabio Tomelleri)
  • Mezzane di Sotto: raccolta di beni di prima necessità nella Baita degli Alpini il martedì e il giovedì dalle 8.30 alle 12
  • Monteforte d'Alpone: si raccolgono beni di prima necessità (medicinali, vestiario per bambini, cibi a lunga conservazione): punto di raccolta in piazza Silvio Venturi dal lunedì al venerdì dalle 17 alle 19
  • Oppeano: l'amministrazione comunale accoglie in municipio in piazza Altichieri materiali e beni di prima necessità.
  • Pescantina: sabato 26 marzo, dalle 14.30 alle 18.00, nella sede della Protezione civile in Via Risorgimento, alle palestre comunali, raccolta beni di prima necessità per emergenza umanitaria Ucraina proposta dall’assessorato alla Protezione civile in collaborazione con la squadra Ana Valpolicella. (di Lino Cattabianchi)
  • Peschiera del Garda: raccolta di medicinali alla scuola di Polizia (qui i dettagli)
  • Ronco all'Adige: centro di raccolta nella sala polifunzionale Marconcini in piazza Caduti di Nassiriya, attivo dalle 9 alle 13
  • San Bonifacio: contattare Caritas e Diocesi al numero 0444304986 o scrivere a caritas@vicenza.it
  • San Martino Buon Albergo: punto di raccolta della Protezione Civile dal 14 al 19 marzo (orario 8-12) in piazza XXVI Aprile. Gazebo davanti al municipio nel fine settimana
  • San Zeno di Montagna. A San Zeno di Montagna prosegue anche sabato 26 marzo, la raccolta di farmaci e beni di prima necessità da inviare a sostegno della popolazione ucraina. La raccolta di alimenti e beni primari, organizzata dal Comune assieme alla Protezione civile e le associazioni del territorio, si svolgerà negli spogliatoi del campo sportivo dalle 10 alle 12, mentre per i medicinali è necessario acquistarli direttamente in farmacia, dove comunque si può contribuire con i vari aiuti tutti i giorni durante l'orario di apertura. Vista la risposta la raccolta fondi e generi alimentari e non, proseguirà anche le prossime settimane con i consueti appuntamenti di raccolta del sabato almeno fino a Pasqua, domenica 17 aprile. È possibile contribuire anche con donazioni sul conto corrente aperto dalla Regione e destinate all'assistenza dei profughi civili in arrivo in Veneto (IBAN: IT65G0200802017000106358023). (di Emanuele Zanini)
  • Sona. Continua la raccolta di beni di prima necessità a favore del popolo ucraino attivata presso la «Casa di Alice» in via Kennedy 15 a Lugagnano di Sona. Il punto di raccolta è aperto dal lunedì al sabato dalle 8.30 alle 12 (il pomeriggio su appuntamento contattando il numero 045.6091290). Si possono donare generi alimentari a lunga conservazione, prodotti per la prima infanzia (biberon, salviette, pannolini, latte in polvere), medicinali, prodotti di automedicazione e prodotti per l'igiene personale tra cui assorbenti per donne e pannoloni per anziani. 
  • Tregnago: martedì e venerdì dalle 17 alle 19 e sabato dalle 9 alle 12 si raccolgono beni di prima necessità al piano terra dell'auditorium di via Pellegrini Cipolla. Per info 3475863659 (Stefano) o 3463775381 (Francesca)
  • Valeggio: dal 16 marzo presso la Protezione civile in via Isonzo 1, nei giorni mercoledì ore 18-20.30, sabato e domenica ore 10-12.30. Servono: generi alimentari a lunga conservazione per adulti e bambini, prodotti per l'igiene, prodotti per l'infanzia, medicinali con scadenza tra almeno un anno. Non servono: vestiti, giocattoli o alimenti deperibili a breve scadenza.
  • Villafranca: beni di prima necessità nella sede della Protezione Civile in via Custoza 75 il sabato dalle 8.30 alle 12.30 e il mercoledì dalle 15 alle 18.
  • Villa Bartolomea: Chiunque intenda contribuire potrà portare alimenti in scatola o altri a lunga conservazione, farmaci e prodotti per l’igiene personale nei punti raccolta organizzati all’interno di villa Ghedini il martedì ed il venerdì, dalle 9 alle 12.30, e dalle 15 alle 18.30 (qui altri dettagli).