26 giugno 2019

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Tecnologia

29.09.2015

La Tac sui calchi delle vittime di Pompei: ecco come vivevano i nostri antenati

Questo video non può essere visualizzato.
Non si è accettata la cookie policy.

“Uno degli aspetti più impressionanti di Pompei è quello delle vittime dell'eruzione. L'archeologo Fiorelli nel 1863 inventa questa tecnica per recuperare le forme del corpo. Lui li chiama "rapiti alla morte" perché colando il gesso si ritrovavano i momenti della morte. Tutto questo lavoro viene fatto con grande rispetto, non stiamo spettacolarizzando la morte, ma è un lavoro scientifico, che ci permette di fare un grande salto in avanti nella conoscenza dell'antichità”. Massimo Osanna, Soprintendente degli Scavi di Pompei, spiega il lavoro in corso sui calchi delle vittime dell'eruzione del Vesuvio nel 79 d.C. I calchi vengono analizzati con la Tac. “Vengono fuori dati straordinari che riguardano età, sesso, cosa mangiavano, il loro status"

Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1