03 aprile 2020

Speciali

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

La Leonessa

09.12.2019

Meglio Sardine pacifiche
che «lupo» da tastiera

La Leonessa
La Leonessa

La marea reale che sabato ha portato in piazza il banco di seimila sardine bresciane è stata calma e pacifica. Non è stato così, invece, nel virtuale mondo social dove le acque si sono agitate dopo il ritiro dei manifestanti da piazza della Vittoria. È bastata una fotografia e il richiamo alle Sardine sul profilo istituzionale del Comune per sollevare le prime onde di dissenso. Pochi minuti e il profilo social della Loggia è stato sommerso da messaggi critici. Post cancellato subito insieme alle polemiche innescate forse dalla fretta di testimoniare quanto accaduto. Sempre i social ci hanno poi regalato un estimatore della piazza ai tempi dell’istituto Luce. Peccato che il giovane neo-nostalgico, Giuseppe Lupo, sia stato ripreso dai compagni di «area». Come dire che al «lupo» da tastiera sono preferibili le Sardine di una piazza pacifica. Del resto la marea reale non ha fatto danni né sollevato polemiche.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1
Articoli
Il ritorno degli animali
nei paesi senza persone
La resistenza
dietro al banco
Il contagio che corre
e le grida inascoltate
Adottiamo almeno
la soluzione tampone
Roma affoga l’epidemia
nel collettore del Garda
Ztl e parcometri
sospesi. Che tempismo!
Se la bara resta in casa
ostaggio dei burocrati
Su chi non si ferma
ora volano i droni
Quelle fabbriche chiuse
tra la pietà e la paura
Case popolari-miraggio
Un pasticcio all’Italiana
Tav, l’uscita da Brescia
la progetta lo sciamano
Il Brescia scorda il virus?
Glielo ricorda l’Aiac
Il caso Castegnato:
c’è sanità e sanità
Quando mancano
le tutele di base
Nel limbo degli appalti
la scuola è un miraggio
Sanità privata e virus
armiamoci e partite
Vecchia San Martino
nel mondo che gira
Istinto di sopravvivenza
Dov’è andato a finire?
Vertice Confindustria
una lezione per Brescia
Brescia in campo lunedì
Siamo sicuri adesso?
Caffaro: la bonifica
come l’araba fenice
Prevalle, via la corrente
dai proclami di regime
Unione dei Comuni:
una partita surreale
Campionato stravolto:
un bene per il Brescia?
Il sonno della giustizia
genera «eco-mostri»
La Regione è ubriaca
ma almeno riapre i bar
Più che il Coronavirus
potè il numero 17
La pressione è alta
e la confusione pure
I piccioni di Bagnolo
e la multa sulle briciole
Palazzo Marino
e Loggia Spifferi
sulla multiutility
Gestione dei profughi?
Un «affare» di famiglia
Via Veneto, dove c’erano
auto ora crescono i fiori
Se la madre dei cretini
allatta i pargoli con il gin
Un triste viaggio senza
vedere nemmeno CR7
E il piano per il castello?
Per fortuna c’è il food
Desenzano e il suo lago
sulle onde del destino
Grattacieli a Lumezzane
La Montecarlo mancata
I piccoli tifosi del Brescia
così non crescono
Alcol e giovanissimi
Qualcosa è cambiato
Così Cellino «smozzica»
un tecnico dietro l’altro
Musil, se c’è un ostacolo
di sicuro ci sbatte contro
La regola degli appalti?
Prendi i soldi e scappa
L’ex repubblica di Salò
e quel Benito onorario
I manifesti «contro»
nella difesa a oltranza
Il cattivo gusto di esporre
a Brescia foto di Brescia
Tutti per l'ambiente
Ma le auto elettriche?
Appalti, la roulette russa
paralizza i cantieri
Il tunnel di Valvestino?
Un buco a peso d’oro
Ma che bel castello!
Pazienza che sia vuoto
La centralina elettrica
che dà la scossa all’aria
Il «braccino corto»
della sanità
Multati alla macchia
e riscossori alla riscossa
Piazza Arnaldo chiusa
Ma l’idea funziona o no?
Ma i bresciani quanto
tengono alla Serie A?
Alberi anti-discariche:
trent'anni di solitudine
Tra Brexit e Polpenexit
la Valtenesi non c'è più
A questo Brescia serve
Guardiola. Ma in campo
Il rinnovo della tessera
e quel grave errore
Il semaforo di Passirano
spaventa 3 mila patenti
Il metodo Castelletti o
della replica trasversale
Tutto va bene assessore
O forse non tanto!
Vigneti «plastic free»:
la scommessa della vita
Bovegno milionaria
si è sciolta come neve
Caserme abbandonate
e progetti senza futuro
Alle botteghe nessuno
vuol fare sconti
I topi d’appartamento
e gli atti in ritardo
Se Busi e Sgarbi siedono
fra la pupa e il secchione
Il Garda alza la posta
sul turismo di massa
Giustizia lumaca?
Ora Brescia prova a correre
Il Consiglio dei ragazzi
in Loggia è ancora al palo
«Sperimentazione»
che magica parolina!
Il business delle Terme
non è «acqua fresca»
La transumanza muore
Diamole un bel premio!
Qualità della vita, Brescia
vola tra luci e... ombre
Le code al parcheggio
e il senso di essere «vigili»
Ehi bresciano! A Natale
la tua città è... Bergamo
Se per un procuratore
non bastano 14 mesi...
Ma la scuola che fine fa
se non è al primo posto?
Le Stanze di Poliziano
e quelle della Loggia
Meglio Sardine pacifiche
che «lupo» da tastiera
L'assemblea pubblica
per cui non c'è tempo
Sovranismo della pupù
Il Garda c’è fino al collo
Sul Sebino si inventano
il sovranismo dell'olio
Tutto «nuovo»:
anche i risultati?
Breno, salire in castello
è un'impresa franosa
Della Torre, all’Aler
una costosa volgarità
Tav e Tar del Lazio
chi ci capisce è bravo
Maltempo? Emergenza
già finita per la Provincia
Federalismo delle buche
e automobilisti in panne
Gli alibi non ti fanno
vincere le partite
Annusatori, unitevi!
Tutti a caccia di puzze
E fu così che il Brescia
ritrovò la targa per Jos
Valsabbia, depuratore
e «turismo fognario»
Fascisti su Marte
l'anatema di don Fabio
Amleto a Corte Franca:
commedia in troppi atti
La saga dei parcheggi
tra Salò e Desenzano
Via la targa, la storia resta
Brescia, ti ricordi di Jos?
In fondo alla classifica
con due nazionali
Il metano e la geografia
(sbagliata) del ministero
Il liceo Arnaldo sbaglia
clamorosamente il selfie