28 maggio 2020

Cultura

Chiudi

09.04.2020

Brescia Musei: la creatività digitale fa anche solidarietà

Stefano Karadjov: dirige la Fondazione Brescia Musei
Stefano Karadjov: dirige la Fondazione Brescia Musei

Interventi digitali, visioni, sperimentazioni e teatralizzazioni per dare nuova prospettiva e nuove dimensioni alle opere della collezione della Pinacoteca Tosio Martinengo, che nelle festività pasquali (in quarantena) si potranno ammirare anche da casa attraverso «un viaggio sintetico ma di grande fascino, scoprendo punti di vista e orizzonti inediti grazie alla 3D animation». È l’iniziativa di Fondazione Brescia Musei nel più ampio ambito degli appuntamenti «a distanza» inaugurati all’inizio dell’emergenza sanitaria come spazio d’evasione culturale amplificato dai canali social. Tramite la partnership con lo studio creativo camerAnebbia, quest’ultimo progetto – ribattezzato #artworks 2.0 per Brescia – «permetterà di unire in modo originale creatività e solidarietà, in un momento così difficile». DAL DIALOGO tra le due realtà è nata l’idea di sviluppare dei nuovi contenuti digitali tridimensionali che «possano valorizzare il patrimonio bresciano con una modalità interattiva dinamica, dando un contributo concreto grazie alla cessione del compenso professionale per le realizzazione delle animazioni digitali alla campagna di raccolta fondi del Comune ‘SOStieni Brescia. Dona per la tua città’». Innovazione, cooperazione, restituzione. «Caso unico a mia conoscenza in Italia, il progetto manifesta un nuovo modo di porsi della cultura nei confronti della comunità: è la proposta stessa a farsi attore concreto del cambiamento e veicolo di solidarietà» osserva Stefano Karadjov, direttore della Fondazione Brescia Musei. Sabato alle 16, sulle pagine Facebook e Instagram @bresciamusei, il primo appuntamento della rubrica: al centro, la celebre tavola «San Giorgio, il drago e la principessa» (anonimo pittore, 1460-1465), opera «caratterizzata dalla bellezza e dolcezza della scena e dalla finezza dell'esecuzione, esempio della pittura cosiddetta dei primitivi, ovvero degli artisti che fiorirono prima di Raffaello e del pieno affermarsi del Rinascimento». Le immagini saranno accompagnate da letture di brani d'autore, legati alla fortuna delle opere (www.bresciamusei.com). • © RIPRODUZIONE RISERVATA

.E.ZUP.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Dopo gli attentati dei terroristi islamici a Parigi, quali misure andrebbero adottate dall'Italia?
ok