14 dicembre 2019

Cultura

Chiudi

19.11.2019

Con il Servomuto «Phoebuskartell» per Edoloteatro

«Phoebuskartell». Servomuto ha spiccato il volo a Milano
«Phoebuskartell». Servomuto ha spiccato il volo a Milano

Francesco De Leonardis Abbattere la qualità dei prodotti in favore di un maggior consumo e, di conseguenza, di un maggior profitto. Si chiama obsolescenza programmata e ci capita spesso di doverci fare i conti quando un oggetto, acquistato da poco, si guasta improvvisamente e irrimediabilmente. L’obsolescenza programmata è il tema di «Phoebuskartell», lo spettacolo di Servomuto Teatro in programma, questa sera alle 20.30, al Teatro San Giovanni di Edolo per la quindicesima edizione di EdoloTeatro. Servomuto è una giovane compagnia che sta emergendo come una delle più interessanti nel panorama nazionale. È nata nel 2012 ed ha mosso i suoi primi passi a Brescia, dove Pavel Zelinsky, Diego Veneziani e Michele Segreto, che si erano incontrati facendo le comparse in un’opera lirica, decisero di lavorare insieme ad un’idea di teatro capace di affrontare tematiche storiche e di impegno civile. Dopo gli anni bresciani, Servomuto ha spiccato il volo a Milano e si è fatto notare per l’originalità delle sue proposte, conquistando una serie di prestigiosi premi. «Phoebuskartell» racconta la nascita del Cartello Phoebus, nato nel 1924, quando, dopo la fine della guerra mondiale, i principali produttori di lampadine europei si riunirono a Ginevra per costituire un cartello economico capace di controllare il mercato del tungsteno, necessario alla produzione del filamento ad incandescenza, di spartirsi le reciproche zone di influenza e di imporre alle industrie di ridurre la vita delle lampadine a 1000 ore - perfino meno della vita utile della prima lampadina di Edison - così da poter assicurare la vendita di quantità maggiori di prodotto. Erano presenti, tra gli altri, i francesi della «Compagnie des Lampes», gli olandesi della «Philips», gli ungheresi della «Tunsgram» e i tedeschi della «Osram». Il cartello, favorito dalle politiche protezionistiche, restò in vigore fino allo scoppio secondo conflitto mondiale. Non si sa come si sia svolta la discussione a Ginevra, ma «Phoebuskartell» ci va certo molto vicino… Il testo e la regìa sono di Michele Segreto; in scena ci sono Gabriele Genovese, Giancarlo Latìna, Michele Mariniello, Marco Rizzo, Matteo Vignati, Alfonso de Vreese. Ingresso 15 euro intero, 12 ridotto. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Dopo gli attentati dei terroristi islamici a Parigi, quali misure andrebbero adottate dall'Italia?
ok