25 maggio 2020

Cultura

Chiudi

21.05.2020

Covid, Silenzio
per le vittime
A Santa Giulia

Il silenzio, le parole, la cultura per rinascere. Il Museo di Santa Giulia e la Pinacoteca Tosio Martinengo dopo 74 giorni di chiusura per la quarantena legata all’epidemia da Coronavirus

"Santa Giulia è anche il luogo che testimonia il millenario patrimonio culturale immateriale cittadino, costituito in primis dall’umanità dei suoi abitanti. In un momento così importante il Comune di Brescia e la Fondazione Brescia Musei hanno deciso di ricominciare le attività di accoglienza al pubblico ricordando le vittime dell’epidemia che nella nostra provincia bresciana ha colpito con grande violenza, ferendo tutta la comunità" è il messaggio della Fondazione.

La banda cittadina Isidoro Capitanio ha eseguito il Silenzio fuori ordinanza in memoria di tutti coloro che in questi difficilissimi e tragici  mesi ci hanno lasciato, "quale simbolica chiusura di un periodo funesto, che supereremo anche rinascendo grazie alla riapertura dei luoghi della cultura. Essi testimoniano la vitalità creativa secolare della città, manifestata dalle meravigliose opere che vi sono contenute. Il filo della commemorazione coinvolge l’intera provincia, con analoghe esecuzioni avvenute nel Castello Scaligero di Sirmione e tra le Incisioni Rupestri di Capo di Ponte, a testimonianza dell’armonia tra alcuni dei più importanti siti culturali del territorio, nel ricordo di chi ci ha lasciato".

Il Silenzio è stato proposto nell’arrangiamento originale del direttore Sergio Negretti prima di una Sarabanda e di un Gioia di Georg Friedrich Händel.

Un momento dedicato alla memoria di Maria Luisa Barozzi Stefani, Germano Celant, Pierangelo Gramignola, Annamaria Magri, Carlo Valli e "a quella dei tanti cittadini innamorati dei nostri Musei che non sono più con noi".

Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Dopo gli attentati dei terroristi islamici a Parigi, quali misure andrebbero adottate dall'Italia?
ok