27 gennaio 2021

Cultura

Chiudi

10.01.2021

DANTE SUPERSTAR DEL 2021

Manifesto ufficiale delle celebrazioni di Dante
Manifesto ufficiale delle celebrazioni di Dante

In pochi si arrischiano a fissare date. Ma prevale la sensazione che il mondo delle mostre cominci a pensare di aver scollinato, lasciandosi alle spalle l’anno horribilis degli eventi mancati o preclusi. Il 2021 sarà l’Anno di Dante e due delle città dantesche per eccellenza, Ravenna e Verona, per l’occasione alleate tra loro, hanno messo in campo un calendario di eventi importante. Il programma di Ravenna prevede 4 mostre. La prima, allestita alla Classense con il titolo «Inclusa est flamma. Ravenna 1921: il Secentenario della morte di Dante», ripercorre il VI centenario dantesco del 1921, inaugurato l’anno prima alla presenza del Ministro della Pubblica Istruzione Benedetto Croce. Sino al 14 luglio, l’antica chiesa camaldolese di San Romualdo accoglierà le «Arti al tempo dell’esilio», che ripercorre le tappe dell’esilio dantesco, attraverso una raffinata selezione di opere dei più importanti artisti del tempo di Dante: Giotto e Cimabue, Nicola Pisano, Arnolfo di Cambio, Giovanni e Giuliano da Rimini. Da settembre, «Un’epopea pop» mostrerà al Mar-Museo d’Arte la fortuna popolare della figura di Dante, attraverso i secoli e i generi espressivi, dai manoscritti del Trecento agli articoli di merchandising. Intrecciato alla mostra, un percorso d’arte contemporanea proporrà, sui temi danteschi, opere di Richard Long, Kiki Smith, Elisa Montessori, Robert Rauschenberg, Gilberto Zorio. Con la Galleria degli Uffizi il Comune di Ravenna ha avviato una collaborazione pluriennale ed è da essa che prende vita anche il progetto espositivo «Dante nell’arte dell’Ottocento. Un’esposizione degli Uffizi a Ravenna» che quest’anno propone il dipinto di Annibale Gatti raffigurante «Dante in esilio», in mostra sino a settembre ’21 nei chiostri francescani limitrofi alla tomba del Poeta. Anche Verona, la città di Cangrande della Scala, ricorda Dante con un importante programma di eventi. Tra quelli espositivi spicca la mostra «Tra Dante e Shakespeare. Il mito di Verona», allestita dal 23 aprile al 3 ottobre, alla Galleria Achille Forti. Sei sezioni, prestiti d’eccezione per ricordare Dante, Beatrice, Romeo e Giulietta. Muniti di una apposita Mappa, si percorre poi quella che è una mostra diffusa «Dante a Verona», fatta di storie e luoghi nella città che per Dante fu «lo primo... refugio e ’l primo ostello». Alla riscoperta della Verona scaligera e medievale. Giunti al Museo di Castelvecchio, dove si conserva la statua equestre di Cangrande, nella Sala Boggian, verrà esposto l’Inferno dantesco rivissuto nelle potenti immagini dell’americano Michael Mazur (1935-2009). A Parma, la Nuova Pilotta affronta il ’21 presentandosi in veste ampiamente rinnovata. Tre le mostre in programma: «L’Ottocento e il mito di Correggio», che aprirà i battenti a fine febbraio. Per essere seguita da «Le passioni del Maggiordomo. I Fiamminghi della Nuova Pilotta» che documenterà l’arrivo a Parma della pittura fiamminga. Per l’autunno Simone Verde, direttore della Pilotta, non nasconde l’orgoglio di poter presentare a Parma, capitale della Cultura, i tesori de «I Farnese», spettacolare storia di una Dinastia che dell’arte ha fatto un suo simbolo. Nella vicina Fondazione Magnani Rocca, a Mamiano di Traversetolo, l’appuntamento di maggior rilievo sarà in autunno una grande retrospettiva su Mirò. Nei mesi che la precederanno, la Fondazione prevede un focus su Modigliani e uno su Pasolini. Dalle porcellane della Reggia di Colorno, ai vetri veneziani – 800 pezzi dei maggiori maestri e delle grandi fucine muranesi – che aprirà in primavera alla Galleria Rizzarda di Feltre (Belluno). Restando in Veneto, Rovigo di grandi mostre ne propone addirittura quattro. A Palazzo Roverella, la primavera sarà riservata ad «Arte e musica. Dal Simbolismo alle avanguardie», un’esposizione sulle molteplici relazioni tra queste due sfere espressive. L’autunno sarà invece riservato alla fotografia, con la monografica dedicata a Robert Doisneau. •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Dopo gli attentati dei terroristi islamici a Parigi, quali misure andrebbero adottate dall'Italia?
ok