31 maggio 2020

Cultura

Chiudi

22.03.2020

«Garden Theatre Amici»: lo show pure su Whatsapp

Il teatro arriva ovunque, anche quando si è costretti in casa
Il teatro arriva ovunque, anche quando si è costretti in casa

La montagna va da Maometto: il teatro non si piega e raggiunge i suoi aficionados nelle loro case anche attraverso Whatsapp, grazie al nuovo gruppo «Garden Theatre Amici». O meglio, si tratta dell’evoluzione spontanea di un gruppo che già esisteva e che aveva creato comunità anche attraverso Facebook: persone che si contattavano per andare a vedere, o anche organizzare, spettacoli teatrali, in casa propria o in giardino, a Der Mast con «ContaminAzioni», con altre realtà territoriali o col sistema scolastico e bibliotecario. IL GRUPPO ha messo in connessione energia e passione, ha fatto entrare in contatto, personale diretto e di amicizia, molti artisti invitati a presentare i loro lavori o i loro studi, talvolta anche artisti internazionali ospitati in Italia (come Tage Larsen o Cesar Brie) o comunque nomi importanti del teatro italiano (Tindaro Granata, Giuliana Musso e il gruppo di Atir). Ebbene, di fronte alla improvvisa reclusione nelle case il gruppo ha cambiato la sua natura diventando un modo per mettere tutti in connessione, offrendo l’esperienza del teatro, dalla registrazioni ad hoc di romanzi alla visione di spettacoli che non sarebbero normalmente visibili su YouTube, resi disponibili «per soddisfare, pur nella situazione eccezionale che stiamo vivendo, la voglia di teatro che per continuare a vivere nei cuori di ciascuno diventa smart - dicono -. Facciamo sentire anche la nostra vicinanza agli amici artisti, il cui lavoro è purtroppo totalmente fermo. Sarà dura, ma finito tutto il teatro saprà raccontare anche questa esperienza nel modo più umano e sincero possibile». E poi auto registrazioni dell’attrice che legge dal terrazzo, della danzatrice che balla nel suo monolocale, link dai teatri e dalle biblioteche, concerti e performance, spettacoli lirici online… «Un laboratorio di scambio artistico, umano e sociale molto vitale, che si nutre di persone che forse non si sarebbero incontrate e non avrebbero conosciuto il lavoro dei molti artisti coinvolti: in questo momento difficile sta rivelando molte potenzialità e chissà quante altre ne scopriremo». Anche dalla poltrona di casa, il sipario si alza • © RIPRODUZIONE RISERVATA

.M.MO.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Dopo gli attentati dei terroristi islamici a Parigi, quali misure andrebbero adottate dall'Italia?
ok