31 ottobre 2020

Cultura

Chiudi

19.09.2020 Tags: Mostre

Il linguaggio dell’arte e il trascorrere del tempo

Una delle opere di Eva Marisaldi esposte Stefano Arienti torna alla galleria Minini
Una delle opere di Eva Marisaldi esposte Stefano Arienti torna alla galleria Minini

Oggi 19 Settembre 2020, annus horribilis, Eva Marisaldi e Stefano Arienti, due delicati campioni della loro generazione, tornano a esporre alla Galleria Minini di via Apollonio. «Hannus orribilis» scrive Minini nella presentazione della mostra, e si capisce bene perché. Arienti e Marisaldi ritornano perché di mostre «ne hanno fatte tante, non troppe, ma sufficienti a darci un’idea precisa delle loro rispettive poetiche, che si fanno più precise col passare degli anni, in questo trascolorare dalla giovinezza alla maturità, che pareva allora così lontana e oggi ben presente». Per il curatore e gallerista bresciano «la maturità delle persone a volte coincide con quella dell’opera e questa, che pareva difficile da comprendere, diventa man mano più chiara». Altre volte, scrive ancora Minini, il lavoro di Eva, come ad esempio quello di Fabro, procede su vie ampie, dove si può andare a zig zag e quindi dare l’impressione di scarsa coerenza. Mentre altri, come Giulio Paolini o Carl Andre, insistono su un concetto, dando così la garanzia della profondità. L’arte è necessariamente e per definizione inutile (almeno immediatamente, mentre mediatamente è quanto di più necessario esista). Stefano Arienti invece prosegue implacabile e non violento «a interferire nei linguaggi e nelle figure, stereotipi della carta decorativa, partendo da una banalità di base, opere d'arte per i non abbienti, forti di bellezza stereotipata col sole al tramonto e paesaggi esotici». Arienti taglia, cuce, aggiunge per modificare l'immagine, scrive Minini. Per questa mostra presenta carte stropicciate, bagnate, dipinte, tese su telaio dove la luce gioca anche sulla differenza di livello. Le immagini stanno tra la bellezza e l'ovvietà ma «vengono riscattate dall’intervento dell'artista che tende a non modificare l’immagine in modo troppo evidente». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Dopo gli attentati dei terroristi islamici a Parigi, quali misure andrebbero adottate dall'Italia?
ok