21 gennaio 2021

Cultura

Chiudi

30.06.2020

Il Teatro dell’anima ritorna al chiostro

In via Piamarta, nel cuore della città, gli appuntamenti di Missione Oggi
In via Piamarta, nel cuore della città, gli appuntamenti di Missione Oggi

«Ne usciremo migliori di prima»: un proposito espresso con le migliori intenzioni. Perché non diventi uno slogan vuoto, però, servono attenzione e apprendimento continui: sentimenti che animano la rassegna teatrale estiva dell’associazione culturale Missione Oggi, dedicata all’esperienza del Covid-19 e a ciò che da essa potremmo imparare. «TEATRO dell’anima»: un ciclo di incontri e spettacoli ospitato ogni anno al complesso «San Cristo» di via Piamarta 9 in città, sede dei missionari saveriani di Brescia, ma quest’anno particolarmente atteso. LE INIZIATIVE primaverili dell’associazione sono state annullate, costringendo Missione Oggi a una lunga pausa; con la riapertura dei teatri, ufficiale dal 15 giugno, si potrà finalmente tornare a respirare l’atmosfera del palcoscenico, allestito nel chiostro di San Cristo (in caso di pioggia si riparerà in chiesa). Il primo appuntamento è fissato domani sera: si parte con la proiezione di «Perché restare», cortometraggio che saluta gli anziani addormentati dal virus. Il video, girato durante la pandemia da Maurizio Pasetti e Marta Favero, è accompagnato dalla lettura della poesia di Giorgio Caproni; l’idea è di Giuseppe Marchetti. DELLO STESSO regista andrà in scena subito dopo «Cancroregina», adattamento teatrale del racconto di Tommaso Landolfi: uno scrittore fallito guarda i suoi simili dall’alto, cercando il senso dell’esistenza nella parola, «pertugio» che permette di congedarsi da questo mondo. IL SECONDO appuntamento venerdì: un dibattito sul libro «Più giusto», con il sindaco di Brescia Emilio Del Bono e il parroco don Fabio Corazzina. Tra luglio e agosto ancora teatro: il 15 luglio c’è «Nemesi», da un racconto di Philip Roth su una spaventosa epidemia in un parco giochi del New Jersey. Seguiranno «L’amore di Maddalena» il 22 luglio, «Il lamento della moltitudine» il 5 agosto e «Scarafaggi a Chernobyl» il 26 agosto. La rassegna continua a settembre con la proposta di tre libri e di due spettacoli: le presentazioni saranno «Cambiamenti a km zero» il primo settembre, «Le domande di Gesù» il 16 settembre e «Teologia dell’ospitalità» il 30 settembre. QUANTO AGLI SPETTACOLI, «Chi ha ucciso mio padre» è in programma il 9 settembre e «Antigone è al funerale del fratello Polinice» il 23 settembre. Inizio alle 21.30: necessaria la presentazione al numero di telefono 3393559913 «Lo abbiamo fatto per non sprecare ciò che la pandemia di Covid-19 ci spinge a fare - spiega Marchetti - ripensare la nostra umanità dal punto di vista dell’Altro, rappresentato anche dal virus». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Andrea Turla
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Dopo gli attentati dei terroristi islamici a Parigi, quali misure andrebbero adottate dall'Italia?
ok