14 ottobre 2019

Cultura

Chiudi

26.06.2019

Diabolik «versus»
Paperinik con i Manetti
bros e Sciarrone

Claudio Sciarrone:  Paperinik oggi è Pk e combatte gli alieniI Manetti bros firmano il film su Diabolik in uscita nel 2020
Claudio Sciarrone: Paperinik oggi è Pk e combatte gli alieniI Manetti bros firmano il film su Diabolik in uscita nel 2020

Gli anni: 1962 e 1996, due rivoluzioni nella storia del fumetto italiano. La nascita di Diabolik e il primo albo di PK, i più longevi e amati eroi con la kappa. È tutto per loro il primo cuore di tenebra de «I colori della notte», rassegna organizzata dall’associazione BlueVelvet dal 27 al 29 giugno. Domani alle 20.30 sarà inaugurata alla galleria The Address la mostra «Diabolik. Una vita in nero»; alle 22.30 il ritrovo è al Nuovo Eden con i Manetti bros, autori del film su Diabolik in uscita nel 2020, e Claudio Sciarrone, storico disegnatore di Pikappa. DAL PRIMO EROE nero italiano ispirato a Fantômas al pennuto vendicatore sgusciato dall’ombra di Paperino: il cerchio si chiude. Diabolico il ladro mascherato, ma anche la scommessa editoriale alle sue origini: l’autrice Angela Giussani rispose alle voglie più oscure dei lettori italiani, creando un eroe tutt’altro che «super». Diabolik non è un giustiziere amico della polizia, anzi: è un ladro che ruba per se stesso e un assassino freddo e spietato. Mefistofelico, astuto, affascinante - perfetta immagine del nero che è insieme archetipo della malvagità ed emblema dell’eleganza. L’idea ebbe successo, tanto da ispirare una galleria di epigoni: Satanik, Demoniak, Kriminal e persino Cattivik, la parodia di Bonvi. Forse fu quest’ultima la più riuscita: gli altri tentativi non eguagliavano la classe e il carisma di DK. Per forgiare un altro eroe nero bisognava passare da una strada insospettabile: il luminoso universo Disney. L’erede della -ik fu, nel 1969, Paperinik: Guido Martina pensò che il bistrattato Paperino meritasse una rivincita sui personaggi che lo definivano un perdente. PIACQUE SUBITO: il fatto che il simpatico pelandrone gabbasse gli odiosi Paperone e Gastone incarnava la vittoria del debole sulle angherie dei potenti. Paperinik nasce maturo, già dotato del retroterra culturale che rende possibile un’ulteriore evoluzione: Pikappa. Noir e fantascienza pervadono una Paperopoli inferno metropolitano. Per Sciarrone è «un allargamento di inquadratura: ora Paperinik combatte gli alieni proteggendo tutta la Terra». Eppure, osserva il fumettista, sotto il costume è sempre lui: «È Paperino, con la sua sfortuna, quello che “quando il gioco si fa duro vorrebbe essere da un’altra parte“. Un personaggio con una sua integrità e fedele a se stesso, come Diabolik». Un superpapero con uno stupefacente arsenale tecnologico: «Anche per questo ha lettori di tutte le età, dagli studenti universitari ai bambini agli adulti. Una solida base scientifica, come negli episodi sui viaggi temporali, unita a scontri e momenti d'azione. Soprattutto, tanta passione e umanità, che il pubblico ha percepito». Pikappa ha segnato il cammino del fumetto dalle pagine di Topolino a un riuscitissimo esperimento noir. È un eroe degno di affiancare Diabolik e forse Martina lo sapeva già: il ladro gentiluomo cui Paperinik si ispira è un certo Fantomius. •

Anna Castoldi
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Dopo gli attentati dei terroristi islamici a Parigi, quali misure andrebbero adottate dall'Italia?
ok