27 gennaio 2021

Cultura

Chiudi

13.01.2021 Tags: Libri

L’esperta: «Testimonianze mai trovate prima a Brescia»

Nell’incisione sul cippo la distanza tra quel punto e il Capitolium
Nell’incisione sul cippo la distanza tra quel punto e il Capitolium

Il ritrovamento «fresco» di giornata in via Milano è avvenuto ieri grazie al fatto che la Soprintendenza ha prescritto il «controllo archeologico in corso d'opera», come chiesto da Serena Solano, funzionario competente per l’ente diretto da Luca Rinaldi. «È una grande soddisfazione perché a volte è difficile farsi capire dai cittadini: anche se la zona è manomessa, la normativa sui lavori pubblici è cambiata e l’archeologia diventa preventiva. La richiesta di valutazione di rischio archeologico serve a questo. A2A ciclo idrico ha collaborato sempre, la ditta incaricata - Asps - vigila sotto la nostra direzione scientifica e il loro archeologo mi ha subito contattato, per il primo “miliario”. Ieri tutto si è svolto rapidamente: «Sono stati trovati due cippi del diametro di 40 centimetri, uno rotto in due parti ma ricomponibile, quella che potrebbe essere una colonna - o un altro cippo - e l’ara in cui si legge “rei publicae”» aggiunge Solano, archeologa di origini camune laureatasi a Pisa, con dottorato di ricerca a Pavia. «Tutte le iscrizioni paiono del III-IV secolo dopo Cristo, con titolazione agli imperatori Diocleziano e Costantino». In città mai erano stati trovati cippi di questi tipo, «recuperati solo a Sirmione, Rodengo Saiano ed Erbusco. Ho già coinvolto l’epigrafista della Sapienza di Roma Gian Luca Gregori per la lettura». I reperti non erano in «giacitura primaria» ma ributtati sul fondo della trincea di scavo, sopra i vecchi tubi. «L’aspetto interessante è la concentrazione di queste 4 iscrizioni tutte insieme. Con la crisi dell’impero le pietre erano riutilizzate come materiali da calce. Ora ci aspetta un grosso lavoro e le possibilità di esposizione sono sia l’area archeologica della città che altre soluzioni: sarebbe importante non disfare completamente l’insieme. Ma questi reperti parlano da soli». •

S.C.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Dopo gli attentati dei terroristi islamici a Parigi, quali misure andrebbero adottate dall'Italia?
ok