14 agosto 2020

Cultura

Chiudi

01.07.2020

LA GRANDE RINASCITA

Aram Khacheh: dirige l’orchestra  Bazzini Consort UMBERTO FAVRETTO
Aram Khacheh: dirige l’orchestra Bazzini Consort UMBERTO FAVRETTO

Si chiama «Intervallo d’estate», ma in effetti è il segnale della sospirata ripresa dell’attività della Fondazione del Teatro Grande, salutata con evidente soddisfazione – e altrettanto sollievo – dalle parole di Fausto Bossoni, presidente della Fondazione Teatro Grande, del sovrintendente Umberto Angelini e del vice sindaco di Brescia Laura Castelletti. Tredici appuntamenti che, grazie anche alla collaborazione con Fondazione Asm, si terranno nel cortile del MoCa di Palazzo Martinengo Colleoni in via Moretto 78 con l’obiettivo di ricreare quella socialità che è l’anima della musica. Anche per questo la proposta di «Intervallo d’estate» non ha voluto limitarsi a un solo genere musicale, ma spazia tra ambiti musicali anche molto diversi, dall’opera al jazz, dalla musica da camera a progetti speciali destinati ai piccoli. È comunque l’opera ad aprire e a chiudere la serie di appuntamenti programmati tra il 7 luglio e il 15 settembre prossimo: l’Orchestra Bazzini Consort diretta da Aram Khacheh proporrà in quelle due date due originali riduzioni da La Traviata di Giuseppe Verdi e dal Barbiere di Siviglia di Gioacchino Rossini; e saranno voci di notevole valore a interpretare i personaggi principali, come Sarah Tisba nel ruolo di Violetta Valéry e Matteo Falcier in quello di Alfredo Germont, Marta Pluda come Rosina rossiniana e Paolo Ingrasciotta come Figaro. Altre due opere, donizettiane, buffe e con l’accompagnamento al pianoforte di Alessandro Trebeschi, sono in programma il 28 luglio con Don Pasquale, e l’8 settembre con Rita: la recita delle 17 sarà riservata ai più piccoli in una versione pensata per loro, per il pubblico adulto lo spettacolo è alle 21 e fra i cantanti avremo voci come quelle di Omar Kamata e Dario Giorgelè, di Maria Rita Combattelli ed Edoardo Milletti. BEN TRE gli appuntamenti in programma con l’Ensemble del Teatro Grande guidato dal pianista Andrea Rebaudengo, con programmi che vanno da Debussy e Saint-Saëns, da Gustav Mahler a Manuel De Falla fino al celebre Trio dei Birilli di Mozart e ai Phantasiestücke op.73 per clarinetto e pianoforte di Schumann. E altri appuntamenti particolari, come i due legati a Ludwig e Paul Wittgenstein, e alla «musica dei pensatori» che vedrà protagonisti Augusto Mazzoni – clarinetto e relatore – e Ruggero Ruocco al pianoforte. Lo spazio alla musica jazz è riservato, il 20 luglio e il 31 agosto, ai due progetti realizzati da Emanuele Maniscalco alla batteria e Alessandro «Asso» Stefana alla chitarra; nella seconda data Maniscalco sarà affiancato da Francesco Baiguera alla chitarra e da Giacomo Papetti al contrabbasso. Il biglietto unico è fissato a 10 euro, si acquista solo online sui siti teatrogrande.it e vivaticket.it e nei punti vendita Vivaticket; sarà attivo uno sportello di assistenza telefonica il martedì e il giovedì dalle 10 alle 12 al numero 0302979347 del Teatro Grande; per gli eventi delle 17 è previsto un biglietto under 11, a 5 euro. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Luigi Fertonani
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Dopo gli attentati dei terroristi islamici a Parigi, quali misure andrebbero adottate dall'Italia?
ok