22 ottobre 2020

Cultura

Chiudi

24.09.2020

Leali: «Non sono razzista ma timido»

Fausto Leali si giustifica dopo l’espulsione dal Grande Fratello Vip. «Sono una brava persona, non sono razzista ma timido. Ho parlato con leggerezza. Ora voglio andare a cena con Enock e Balotelli per far capire chi sono veramente», ha detto al Corriere della Sera dopo essere stato squalificato per aver usato la parola «negro» rivolgendosi al coinquilino Enock Barwuah, fratello di Mario Balotelli. «Nessuno si aspettava la squalifica. Il primo ad accompagnarmi alla porta è stato proprio Enock, era molto commosso. Forse anche lui avrà pensato: Abbiamo esagerato. In molti pensavano che una punizione bastasse». Leali, che nei giorni precedenti aveva elogiato Mussolini, aveva parlato anche di «razza». «So che non esiste nessuna razza negra - precisa -, è stato un errore, una parola uscita a vanvera. Mi sono espresso male, senza pesare bene».

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Dopo gli attentati dei terroristi islamici a Parigi, quali misure andrebbero adottate dall'Italia?
ok