23 febbraio 2020

Cultura

Chiudi

19.01.2020

Mauro Maisel conquista Parma con l’Anxiety Art

Mauro Maisel, al secolo Zuliani: artista gardesano classe 1983
Mauro Maisel, al secolo Zuliani: artista gardesano classe 1983

Anche il suo biglietto da visita parla chiaro: Contemporary Anxiety Art, l'arte contemporanea dell'ansietà. Meglio ancora, la distesa ansiosa del colore: «È come se lo educassi, ma solo in principio, poi prende la sua forma e fa quello che vuole». Parola di Mauro Maisel, al secolo Mauro Zuliani, poliedrico artista gardesano (classe 1983) che stasera sarà tra i primi a inaugurare la lunga carrellata di eventi della città di Parma, nominata quest'anno capitale italiana della cultura. Di nuovo in trasferta, dopo alcune fortunate esperienze milanesi: dal suo GriMaiseLab, il laboratorio creativo e artistico aperto da un paio d'anni in pieno centro a Moniga, arriveranno a Parma alcune delle sue opere recenti più dirompenti, per la mostra-evento (che durerà una sera, almeno materialmente: le opere saranno poi proiettate su maxi-schermi per un paio di settimane) in scena alle 18, allo spazio artistico culturale di Arte in Bottega78 e Ap Interni. Nelle sale della bottega artistica saranno esposti «Hellmut» e «Kastor», che sono due mezzi busti, e «Venanzio» che ha solo le gambe, rivolte verso il cielo: sono tutti pezzi di manichini rivestiti di gesso e acrilico. Oltre a loro anche «Persefone sposa di Ade», scultura ad olio che fa parte di un trittico, che Maisel stesso definisce «olio su testa». Disordine espressivo, pensiero alternativo, informalismo astratto, «dominato – scrive di lui la critica d'arte Elena Gollini, curatrice della mostra – dalla suggestione degli intrecci cromatici che attinge dalla formula non convenzionale dell'action-painting. Maisel dipinge un'iconografia onirica della propria vita, traslata nel significato di quello che è la sua concezione esistenziale». ARTISTA autodidatta, Maisel da sempre sperimenta colori e tecniche diverse: la sua ultima fase creativa, da un anno e forse più, si scatena attraverso assemblaggi di prodotti diversi, oli e acrilici mixati con il gesso. E ancora, la provocazione: «Sto lavorando a una serie di lavori sulla conservazione dell'eterosessualità», anticipa Maisel ma senza spoiler: «Posso solo dirvi che saranno sott'olio». A lanciare il sasso dell'arte sarà il professor Sergio Zanichelli: docente e collezionista, consegnerà al giovane Maisel un premio speciale per la ricerca artistica, patrocinato da Parma 2020. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Alessandro Gatta
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Dopo gli attentati dei terroristi islamici a Parigi, quali misure andrebbero adottate dall'Italia?
ok