06 luglio 2020

Cultura

Chiudi

30.11.2019

DONNE NELL’ARTE CREATURE DIVINE

«Colpo di vento» di Gaetano Bellei: l’esposizione sarà visitabile a partire da sabato 18 gennaio
«Colpo di vento» di Gaetano Bellei: l’esposizione sarà visitabile a partire da sabato 18 gennaio

Un omaggio a tutto campo all’universo femminile. Questo vuole essere la mostra «Divina Creatura. Donne nell’arte da Tiziano a Boldini», organizzata dagli Amici di Palazzo Martinengo con la collaborazione della Provincia e curata da Davide Dotti. Un evento che dal 18 gennaio al 7 giugno porterà a Brescia 90 opere in cui la «divina creatura» (il titolo evoca un film di un po’ di anni fa in cui Laura Antonelli era nel pieno fulgore della sua bellezza) sarà la protagonista assoluta. Come è ormai tradizione, la mostra è stata presentata ieri alla città, nella chiesa di San Giorgio, da Samuele Alghisi, presidente della Provincia, da Roberta Bellino, presidente dell’associazione Amici di Palazzo Martinengo, da Emanuele Rossi, consigliere della Fondazione Provincia di Brescia Eventi, da Chiara Alloisiani della Fondazione Marcegaglia Onlus e da Davide Dotti, che ha offerto al pubblico una piacevole anteprima con la sua narrazione, arricchita dalle immagini delle opere proiettate sul grande schermo della sala. LA DONNA ha ispirato da sempre gli artisti che l’hanno rappresentata in ogni possibile aspetto. «Nella mostra - spiega Dotti - ho immaginato la donna come un sole attorno al quale ruotano otto pianeti». Il percorso espositivo si svilupperà infatti in otto sezioni. La prima sarà dedicata alle sante e alle eroine bibliche, come Lucia con il piattino su cui sono posati gli occhi, Orsola con le frecce e Maddalena con il vasetto dell’unguento profumato. Quest’ultima in una tela di Tiziano che amò particolarmente il soggetto e lo dipinse in diverse versioni. A Brescia la Maddalena arriverà da una collezione privata tedesca in una versione che sta tra quella di Palazzo Pitti e quella dell’Ermitage. Vedremo le eroine dell’Antico Testamento come Giuditta e la casta Susanna. La seconda sezione sarà tutta per le dee della mitologia come Venere e le Grazie ispiratrici del bello, ma anche donne della storia come Cleopatra e Lucrezia, che si tolse la vita dopo essere stata violentata. Ci saranno poi le sezioni dedicate al ritratto, alla natura morta al femminile, alla maternità, al lavoro, alla vita quotidiana e al nudo. Il nucleo di opere più rilevante sarà quello della pittura dell’Ottocento, perché è nel XIX secolo che la donna viene rappresentata anche in situazioni della vita di ogni giorno, dentro la famiglia come madre affettuosa e nelle faccende domestiche, ma anche nella vita di relazione, a teatro e in momenti di conversazione, in casa nel lavoro del cucito e del ricamo e all’aria aperta nei campi. Oltre alla «Maddalena» di Tiziano saranno in mostra opere di artisti quali Guercino, Pitocchetto, Hayez, De Nittis, Zandomeneghi e ci saranno splendidi ritratti di Appiani (rivedremo quello in cui compare la fascinosa Francesca Fanny Lechi) e di Boldrini, del quale viene esposto, tra l’altro, un superbo pastello con l’immagine della giovane Emiliana Concha de Ossa. Grazie alla Fondazione Marcegaglia Onlus, la cui missione è sostenere le donne attraverso progetti di solidarietà e cooperazione, la mostra metterà a disposizione delle scuole 350 percorsi tematici di visita, con l’obiettivo sia di avvicinare i giovani al mondo dell’arte, sia di sensibilizzarli alle tematiche sociali legate al mondo femminile. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Francesco De Leonardis
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Dopo gli attentati dei terroristi islamici a Parigi, quali misure andrebbero adottate dall'Italia?
ok