12 novembre 2019

Cultura

Chiudi

19.10.2019

«L’ARCA DELLE MERAVIGLIE»

La «Testa di rinoceronte» di Bruno Bombardieri al centro della piazzetta di Corsia del GamberoUn elefante di Angelo Zanella:  la mostra aprirà al pubblico oggiAntilope di Angelo Zanella
La «Testa di rinoceronte» di Bruno Bombardieri al centro della piazzetta di Corsia del GamberoUn elefante di Angelo Zanella: la mostra aprirà al pubblico oggiAntilope di Angelo Zanella

Tre artisti, tra i quali un nome bresciano di spicco, uniti da un filo rosso che invita a scavalcare il confine tra puro godimento estetico e riflessione personale: la galleria Colossi Arte Contemporanea ha scelto di chiudere il 2019 con due mostre e un’installazione che mettono il mondo animale al centro dell’occhio umano, con l’obiettivo di riempire la mente dello spettatore attraverso tre diverse prospettive. La «Testa di Rinoceronte» di Stefano Bombardieri adorna già la piazzetta di Corsia del Gambero in centro a Brescia da sabato 12 ottobre, e vi rimarrà fino a martedì 21 gennaio: la monumentale opera realizzata in fiberglass policromo dall’artista bresciano di fama internazionale non si limita a un puro sfoggio di tecnica creativa, ma anche attraverso l’espressività quasi antropomorfa dell’animale, rappresenta un monito verso il tema del rischio estinzione che corrono i rinoceronti bianchi. GLI SPAZI INTERNI della galleria diretta da Antonella e Daniele Colossi, i quali portano avanti una tradizione artistica iniziata nel 1970, presentano forme diverse pur facendo rifermento allo stesso mondo: da oggi alle 16.30 e fino a giovedì 21 novembre sarà protagonista la mostra «L’arca delle meraviglie» di Angelo Zanella, artista di Lovere che tramuta in immagini un bestiario animato da tratti fortemente antropomorfi, colto in movenze ed espressioni umanizzate, sguardi ammiccanti e penetranti rivolti allo spettatore, che viene chiamato a cogliere l’intimità di questi animali. IL REALISMO al quale rimandano le pieghe, i chiaroscuri e i colori degli animali, viene infranto da uno sfondo caratterizzato da carta da parati o giornali ottocenteschi, creando evoluzioni visive di stampo magrittiano. Da sabato 9 novembre fino a giovedì 12 dicembre verranno esposte le opere di Massimo Caccia e della sua rassegna «Bestiario quotidiano»: gli animali concepiti dall’artista brianzolo vengono rappresentati mediante una tecnica essenziale, caratterizzata da un segno grafico vicino all’illustrazione, che. Complici le situazioni paradossali in cui versano talvolta gli animali, suggerisce una lettura semiseria dietro la quale si celano, per analogia, alcune situazioni emotive dell’essere umano. Antonella e Daniele Colossi rilanciano così nel pieno centro di Brescia, attraverso tre forme di arte sensibilmente diverse tra loro, un movimento contemporaneo accattivante, che declina l’animale con sfumature talvolta macabre, talvolta ironiche, con l’obiettivo, anche, di far riflettere e veicolare messaggi importanti. La galleria è aperta dal martedì al sabato in orario 10-12 e 15-19, mentre la domenica si può visitare esclusivamente tramite appuntamento. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Vincenzo Spinoso
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Dopo gli attentati dei terroristi islamici a Parigi, quali misure andrebbero adottate dall'Italia?
ok