28 maggio 2020

Cultura

Chiudi

05.04.2020

Quattro racconti inediti di Emer per Magic Box

Lo scrittore triumplino Flavio Emer è mancato nel 2015: aveva 46 anni
Lo scrittore triumplino Flavio Emer è mancato nel 2015: aveva 46 anni

Riflettere sulla normalità: ora siamo chiamati a farlo. Il Coronavirus ci ha rovesciato addosso i nostri limiti, scavando abissi fisici e mentali che un grande intellettuale come Flavio Emer può aiutarci a sondare. Scrittore e giornalista, nato a Caino e scomparso nel 2015, è stato un caro amico di Beatrice Faedi, l’attrice bresciana che sul gruppo Facebook Magic Box diffonde ogni giorno brani di poesia e letteratura: generi di prima necessità, per l’anima. Grazie a questo progetto le parole di Emer, che nel suo corpo immobile custodiva un’anima stellare, vivono ancora: Faedi leggerà 4 racconti inediti dell'autore bresciano. Oggi, alle 12, si potrà ascoltare «Fucilate la compagna libertà»: basta cercare su Facebook «Magic Box ascolta, ti sento» e richiedere l’accesso alla pagina. Alla stessa ora seguiranno martedì «I due messeri», giovedì «Dubbio a Gubbio» e domenica «Io lo so!». LE LETTURE si intrecceranno alle rubriche fisse di Magic Box: alle 10 pagine per l’infanzia, alle 11.15 e alle 15 iniziative degli ospiti, alle 17.30 le scelte degli ascoltatori, alle 19 una poesia all’imbrunire. «Questi bellissimi racconti sono un regalo della fondazione Sipec, che cura il lascito letterario di Flavio» precisa Faedi, il cui percorso nel teatro sociale è legato a Emer. «Lo conobbi a Nave nel 2003: ero stata chiamata per leggere alcuni brani di un suo libro, avevo iniziato a lavorare nel Teatro delle Misticanze e Flavio scrisse per noi il primissimo testo, “Da qui a lì c’è un viaggio immenso”, in cui raccontava il percorso dalla sala alla sua stanza. Per lui la scrittura era vita: aveva uno stile irriverente, ironico, sferzante, distante dal buonismo che a volte vizia le riflessioni sulla disabilità». Emer ha ispirato Fuorinorma, festival a cura di Somebody Teatro, compagnia fondata da Faedi 5 anni fa. «Ci guida una sua frase: “Quale corpo non risulterebbe disabile di fronte alle ambiziose domande del pensiero?”. La disabilità riguarda tutti quando ci confrontiamo con i nostri desideri e le nostre impossibilità». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

A.TUR.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Dopo gli attentati dei terroristi islamici a Parigi, quali misure andrebbero adottate dall'Italia?
ok