28 gennaio 2021

Cultura

Chiudi

30.11.2020

«Severino per sempre» anche su YouTube

Il filosofo Emanuele Severino è mancato il 17 gennaio scorso
Il filosofo Emanuele Severino è mancato il 17 gennaio scorso

«Severino per sempre». «Complimenti a Massimo Donà per il passaggio che indica la differenza non nella conoscenza della verità del nulla nel Genio, ma nella sua mancanza dell’interrogazione». «Magnifica interpretazione! Attori bravissimi, evento di grande interesse». Ai tempi del Covid anche la filosofia si fa in rete e i commenti fioccano estemporanei sul canale YouTube del Ctb, dove l’altra mattina è stato trasmesso «Cosa arcana e stupenda. Leopardi nel pensiero di Severino», tuttora visibile gratuitamente sulle stesse videofrequenze. Ideato e promosso grazie alla collaborazione tra l’Associazione di Studi Emanuele Severino (Ases) e il Centro Teatrale Bresciano, con il patrocinio del Comune, in continuità con l’appuntamento dedicato all’ «Orestea» di Eschilo, nella traduzione dello stesso Severino, andato in scena l’anno scorso al Teatro Sociale in occasione del 90° compleanno del filosofo bresciano, l’evento aveva come obiettivo riflettere attorno alla lettura dell’operetta morale «Dialogo di Federico Ruysch e delle sue mummie» e ad alcuni passi del saggio di Severino «Cosa Arcana e stupenda» (1997), esplorando linguaggi complementari. INTERPRETATI e amplificati da Fausto Cabra, Alfonso De Vreese, Silvia Quarantini e Alessandro Quattro, intensi ed evocativi protagonisti di un viaggio, come ha poi sottolineato durante il suo intervento Donà, professore di Filosofia dell’Università Vita-Salute San Raffaele, «che grazie all’impegno di Severino ci ha fatto comprendere la grandezza filosofica di Leopardi. Anticipatore dello sguardo lucido e impietoso di Nietzsche, Leopardi all’inizio dell’ ’800 comprende quali sono gli esiti più radicali del pensiero occidentale, che Severino ha definito come pensiero ‘nichilista’». Riflessioni in sintonia con quelle espresse in apertura da Paolo Barbieri di Ases – «Bisogna ringraziare Severino se finalmente è stata archiviata l’immagine del poeta triste, vittima di incomprensioni e di invidie…Leopardi è stato sicuramente vittima, ma lo è stato del pensiero dominante della sua epoca e non solo» – , Gian Mario Bandera, direttore del Ctb, e dal sindaco Emilio Del Bono, che ha ribadito come la vitalità intellettuale del filosofo bresciano continui a rappresentare «un contributo al mondo, al pensiero universale, che ci spinge a far diventare sempre di più la nostra città, la nostra terra, il luogo naturale della riflessione, dell’approfondimento e della pratica del pensiero». •

E.ZUP.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Dopo gli attentati dei terroristi islamici a Parigi, quali misure andrebbero adottate dall'Italia?
ok