11 luglio 2020

Cultura

Chiudi

04.06.2020

Tracce di cannabis su altare millenario

Su un altare situato nel deserto della Giudea, all’interno di una località fortificata ebraica di 2.700 anni fa, sono stati rinvenuti residui di cannabis. Si presume, che così come per l’incenso, essa venisse lasciata bruciare lentamente dai sacerdoti nel corso dei riti religiosi. Lo ha riferito la rivista del Dipartimento per le antichità dell’Università di Tel Aviv, citata dai media. A Tel Arad, fra le rovine di una fortezza situata 40 chilometri a ovest del Mar Morto, a protezione del confine meridionale del regno di Giudea, furono scoperti già 50 anni fa due altari: uno del nono secolo e l’altro del sesto secolo a.C.. Ma solo adesso sofisticati esami chimici hanno consentito all’archeologo del Museo Israel Eran Arie e alla bioarcheologa Dvory Namdar di stabilire che sull’altare più piccolo dei due c’erano tracce di cannabis mista a sterco animale.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Dopo gli attentati dei terroristi islamici a Parigi, quali misure andrebbero adottate dall'Italia?
ok