sabato, 21 settembre 2019
CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

12.08.2019

Gli equilibri sotto pressione

Al momento non è chiaro se ci saranno elezioni e, se sì, quando. Le forze che vogliono evitarle sono cementate dal comune obiettivo di non dare alla Lega ed alleati una maggioranza netta. La Francia, apertamente, e la Germania, silenziosamente, appoggerebbero un qualsiasi governo che convergesse con loro per evitare che l’Italia, in alleanza con gli Stati Uniti e il Regno Unito, impedisse la compattazione di una Unione europea post Nato e terza forza non allineata nella guerra economica, ma in realtà politica per la supremazia planetaria, tra America e Cina. Anche Pechino favorirebbe un governo italiano europeista-neutralista per staccare l’Ue dagli Stati Uniti. Da un paio di mesi si osservano crescenti influenze esterne, anche spiegazione del perché il Movimento 5 Stelle abbia fornito a Ursula von Der Layen una manciata di voti senza i quali sarebbe stata bocciata nel Parlamento europeo. Pertanto la pressione non solo per rinviare le elezioni sperando in una erosione del consenso alla destra, ma anche per fare durare un qualsiasi governo euroconvergente aperto a interessi francesi (e cinesi) è molto forte sul Quirinale e questo più volte ha mostrato di non essere insensibile ad essi. E potrebbe trovare una maggioranza, pur minima, in Parlamento considerando che tanti parlamentari non vogliono il voto. La richiesta di elezioni ha forza minore, ma una chiarezza e una legittimità democratica maggiori. Ciò implica il rischio di una spaccatura conflittuale tra la maggioranza sociale e quella parlamentare, in caso di rifiuto delle elezioni, ed è ipotizzabile che il Quirinale non voglia correrlo. Anche perché in tal caso l’America interverrebbe e l’Italia diventerebbe campo di battaglia in una guerra tra Ue e Stati Uniti, questi e la Cina e tra Francia e Italia. Per evitarla ci vuole un governo solido con una maggioranza netta che abbia i poteri per gestire i giochi di potenza senza subirli con danno della nazione. Scenario economico. Nel caso di rinvio delle elezioni è ipotizzabile un premio dall’Ue in termini di flessibilità. Ma questa sarà limitata per mantenere l’Italia sotto pressione, prolungando una stagnazione deindustrializzante. In caso di elezioni vi sarà un atteggiamento punitivo della Commissione per spaventare gli elettori, ma potrà essere bilanciato dal sostegno statunitense nel mercato finanziario e attutito da una posizione atlantica, ma eurocompatibile, del centrodestra. www.carlopelanda.com

CARLO PELANDA
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1