lunedì, 06 aprile 2020
CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

25.03.2020

Italia alla prova è vietato cedere

Quando si è in trincea, anche l’importante diventa secondario. Importante è sapere se questo terzo giorno consecutivo di rallentamento nella crescita dei contagi (ma non, purtroppo, delle vittime), è il segnale che il peggio è finito, oppure che deve ancora arrivare. Importante è aver chiarito dalla viva voce dello stesso presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, che il termine semestrale del 31 luglio indicato nella Gazzetta Ufficiale per dichiarare lo «stato di emergenza» da coronavirus, non significa affatto che la nostra consapevole reclusione in casa finirà solo con l’arrivo del Generale Agosto. Importante, infine, è aver aumentato le sanzioni in denaro, e non solo i controlli, nei confronti di quegli irresponsabili, ancora troppi, che passeggiano, corrono e s’inventano bugie pur di infrangere il civico isolamento che ci siamo dati per sostenere medici e infermieri e salvare il maggior numero di vite possibile. Siamo ormai imprigionati da 18 giorni (prigione, peraltro, dorata: in poltrona e accanto ai nostri cari) per la libertà degli altri, e perché siamo italiani. I più indisciplinati della Terra, ma capaci all’unisono e perfino cantando di far vedere al mondo di che buona e bella pasta siamo fatti. Eppure, proprio quando l’emozione e la stanchezza ci assalgono in attesa della svolta, dobbiamo invece essere più fermi e rigorosi. Nella settimana cruciale per capire a che punto è la battaglia di primavera, dobbiamo più di prima serrare le fila e spalancare finestre e balconi: vinceremo, lo sappiamo, ma è ancora lunga. Dopo esserci difesi dalle insidie del morbo che attacca a tradimento, adesso siamo chiamati a resistergli. Per l’Italia è la prova della sua maturità. Compatti nell’ora ancora buia. Buia, ma non per sempre. www.federicoguiglia.com

FEDERICO GUIGLIA
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1