domenica, 17 gennaio 2021
CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

28.11.2020

Scuola e trasporti vietato sbagliare

L’obiettivo è sicuramente nobile: garantire ai nostri ragazzi il diritto fondamentale di avere un’istruzione adeguata ed efficace. Ma i dubbi su una ripresa immediata della didattica in presenza, prima delle vacanze di Natale, sono altrettanto legittimi. E impongono a tutti, a cominciare dal governo, una riflessione seria per evitare passi falsi e, soprattutto, di sprecare con una mossa azzardata i sacrifici fatti dagli italiani in queste ultime settimane. L’esempio più eclatante è quello del trasporto pubblico. È ovvio che, prima ancora che fra i banchi di scuola, il rischio di nuovi contagi fra gli studenti, nasca sugli autobus o nelle metropolitane, che di buon mattino viaggiano affollate. È vero che la norma impone che i mezzi non possano essere riempiti più del 70% della loro capacità. E che si possa scendere al 50%. Ma senza controlli e, soprattutto, senza vere alternative per raggiungere le scuole, le regole anti-Covid sono state disattese. E lo saranno sicuramente nelle prossime settimane, se dovesse passare la linea della didattica in presenza già dal 9 dicembre. Anche la proposta del ministro delle Infrastrutture, Paola De Micheli, di diluire le lezioni per l’intera settimana, compresa la domenica è per lo meno azzardata. Per non dire impraticabile: occorrerebbe, infatti, dotare le scuole, in fretta e furia, di nuovi docenti e personale non docente costringendo, nello stesso tempo, famiglie e studenti a riorganizzarsi e rivedere ritmi di vita e di lavoro. Insomma, più che risolvere i problemi, rischia di aggravarli. Non a caso, l’idea è stata subito bocciata dai sindacati. Ed ha alimentato solo il fuoco delle inevitabili polemiche fra le forze politiche. C’è di più. La stessa idea di aprire una settimana prima delle vacanze di Natale per poi chiudere di nuovo gli istituti fino all’Epifania ha scatenato l’ira dei Governatori. Ancora una volta, una decisione che sembra più dettata (...)•>PAG 2

di ALESSANDRO CORTI
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1