03 giugno 2020

Lettere

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

15.03.2020

Farmacisti senza protezioni

Egregio direttore, esiste un rilevante problema presso le farmacie. Ad oggi la modalità di accesso rischia di essere la «grande falla» del sistema di sicurezza messo in atto dalla Regione Lombardia e dallo Stato. Ho avuto accesso per necessità della mia patologia cronica alle farmacie e ho constatato che i dipendenti stanno sostenendo un carico di lavoro massacrante esponendosi al contagio spesso senza sufficienti strumenti di protezione e con regole di gestione afflusso delle persone insufficienti. La distanza di un metro tra un utente e l’altro è spesso difficilmente realizzabile e quando sono al banco non c’è protezione o schermo che separi l’eventuale contatto. Spesso si trovano a reggere assembramenti di persone che accedono per prendere farmaci spesso non essenziali. Le farmacie devono lavorare a battenti chiusi con modalità di somministrazione dei farmaci tramite i normali bussolotti usati per la dispensazione durante i turni notturni. Questi garantiscono schermature ed impediscono che l’ambiente, gli arredi e l’aria nella farmacia siano contaminati. Le persone devono poi accedere alle farmacie solo per acquistare medicinali salvavita e medicinali di cura di patologie croniche e non per creme cosmetiche o per presidi generici come spazzolini da denti. Se si ammalassero tutti i farmacisti come verrebbero dispensati i farmaci? Dobbiamo proteggerli e così proteggerci! L’onorevole Mandelli, già farmacista e rappresentante della FOFI (federazione ordini farmacisti italiani), ha rivolto una specifica richiesta in tal senso al Presidente del Consiglio e al Ministro Speranza, ma ad oggi non ci sono indicazioni provenienti da Roma. Confido che possa condividere questa riflessione insieme alla speranza che vengano promosse dagli organi di pubblica sicurezza i dovuti controlli per evitare speculazioni nella vendita di prodotti igienizzanti e maschere di protezione. Lettera firmata

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1