28 marzo 2020

Lettere

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

09.02.2020

Il treno fermi a Ciliverghe

In questi mesi nella nostra provincia si stanno gettando le basi per costruire una rete integrata dei trasporti, in un quadro di mobilità sostenibile. Crediamo che sia importante immaginare come possa collocarsi in questo quadro anche il territorio mazzanese, cogliendo tutte le opportunità che ci sono. Tra i progetti è previsto il prolungamento della metropolitana cittadina verso la Valle Trompia: a nostro parere la soluzione migliore sarebbe stata il proseguimento della linea anche verso est, in direzione Rezzato, Treponti, Ciliverghe, ma prendiamo atto con rammarico che questa opzione sembra ormai accantonata. Sono stati annunciati anche la creazione di due linee di tram in città, una delle quali fino a Sant’Eufemia, e un miglior utilizzo di alcune linee ferroviarie, sulle quali potrebbero essere create delle linee extraurbane, così come succede già in molte città. In particolare sulla linea verso la Valcamonica, con treni ogni 15 minuti fino a Castegnato e ogni 30 fino a Iseo, e sul primo tratto della ferrovia verso Parma e Cremona, in attesa del raddoppio dei binari, e addirittura del nuovo tratto che dovrebbe arrivare al Centro Fiera di Montichiari. Per quanto riguarda nello specifico il «nostro» territorio mazzanese, il nuovo progetto prevede anche treni ogni 30 minuti sui binari «storici» della ferrovia che attraversa Ciliverghe, cosa che sarà possibile una volta realizzato il raddoppio per la Tav, i binari diventeranno infatti 4. La stessa cosa dovrebbe concretizzarsi anche verso ovest, dove i binari della Tav già ci sono. Nei prossimi anni, quindi, potrebbero passare sul nostro territorio treni che collegheranno Desenzano con la città ogni 30 minuti. Per maggiori dettagli è possibile consultare il Piano Urbano della Mobilità Sostenibile del Comune di Brescia, alla stesura del quale ha contribuito in modo determinante l’Assessore Federico Manzoni. Un progetto più che condivisibile, che, però, a nostro parere, necessiterebbe di un’integrazione, per essere efficacemente utile al nostro territorio e portarvi reali benefici. Il progetto prevede anche, sulla tratta Desenzano-Brescia, la riattivazione della stazione di Rezzato, che andrebbe ad aggiungersi a quelle di Ponte San Marco e Lonato. Su questo intendimento ecco la nostra idea, proposta e insieme spunto per il confronto: perché non prevedere una fermata anche a Ciliverghe? Non una vera e propria stazione, ma semplicemente una fermata, una «banchina» con una «pensilina», come ce ne sono tante sui tratti extraurbani delle città. Questa nostra proposta non deve essere intesa come manifestazione di un egoistico campanilismo. La questione è un’altra: considerate le dinamiche del traffico, soprattutto nelle ore di punta, pensiamo che difficilmente gli abitanti del Comune di Mazzano si recherebbero fino alla stazione di Rezzato per andare a Brescia. Il rischio è che si possa ripetere quello che già succede per la metropolitana; una volta che si prende l’auto e si fanno un po’ di chilometri, magari superando il grosso del traffico nelle ore di punta, ormai si arriva direttamente in città. Una «semplice fermata» a Ciliverghe potrebbe essere un grande incentivo a utilizzare il mezzo pubblico per andare a Brescia per un bacino non insignificante di popolazione. Così si alleggerirebbe notevolmente il traffico verso la città e si offrirebbe un’ottima alternativa ai tanti studenti e lavoratori pendolari. Certo, si parla di tempi lunghi, ed è compito della Politica occuparsene. La Politica deve saper gestire e risolvere il presente, ma anche essere lungimirante prevedendo e progettando le azioni necessarie per il futuro, il migliore realizzabile. Per questo rivolgiamo la nostra proposta innanzitutto all’Amministrazione Comunale di Mazzano, nella speranza che, condividendone la bontà, se ne faccia portavoce presso gli enti preposti. Anna Panigara Bruno Saleri Clelia Bodei Fabio Facchin Ferdinando Facchin Giovanni Grossi Liviana Rocchi Nazzareno Fagoni Margherita Buoso Nicola Datteri Raffaello Mostarda Renato Crottogini PER IL GRUPPO DESTINAZIONE COMUNE

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1