03 aprile 2020

Lettere

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

11.02.2020

Non lasciare la scuola

Caro X, non ti chiamo per nome. Anche se so chi sei. È una lettera aperta questa. Aperta per Te e per tutti quelli come te (ragazzi o ragazze) che vogliono lasciare la scuola. Hai 18 anni ed ho saputo che quest’anno (ultimo anno con gli esami di maturità) le cose non vanno bene: per tanti motivi, che non conosco naturalmente, hai deciso di lasciare la scuola. Di finire così. Senza un diploma Si chiama libero arbitrio (espressione filosofica e teologica) e consiste nel scegliere liberamente il proprio agire. E alla conquista della maggiore età, ognuno sceglie. Io mi rivolgo a Te e ti dico di non arrenderti. Non abbandonare la scuola. Non abbandonare la scuola. Non abbandonare la scuola. L’ho scritto tre volte. Può capitare nella vita di perdersi. Capita a tutti. Come un anno storto. Iniziato male. La fine di una storia con una ragazza. Una discussione continua con i genitori. O un padre od una madre con cui non vi è un buon rapporto. Le amicizie che ci deludono. E chissà cos’altro ancora nel navigare quotidiano ci capita addosso e ci abbatte. Cadiamo, sì cadiamo tutti caro X. E se non vediamo una mano che ci aiuta ad alzarci subito, non fa niente. Stiamo a terra, seduti. Ascoltiamo il silenzio e impariamo a rialzarci. Da soli. E sarà questa allora la forza più grande: conquistare sé stessi. Farcela da soli. Montagne di storie sono lì a dimostrarcelo. Tonnellate di letteratura ci insegnano che si può fare. Col sacrificio, con la pazienza, con la tenacia. Col silenzio. Quando si ha 18 anni si vive nell’età della «domanda filosofica» (bellissima frase pronunciata da un filosofo in una conferenza anni fa). E a parer mio non vi è età più bella della maggiore età. Dove il mondo si apre. Dove si diventa grandi e si acquista quell’autonomia e voglia di indipendenza. Bellissimo avere nelle mani il proprio futuro. Ma c’è un però. C’è sempre un però… Caro X non buttare questi 4 anni. Non lasciarli andare via. Lotta. Rialzati. Riparti. E se quest’anno è stato difficile non arrenderti. Manca poco al traguardo. Potrà essere oggi l’esperienza per rendere meglio l’anno prossimo. O lottare in questi mesi per recuperare, ancora in corsa, il treno che non è ripartito. Dai non mollare adesso. Anche se di notte non lo vediamo il sole non smette mai di splendere. Ciò che conta non è l’alba o il tramonto ma il senso che diamo mentre osserviamo. Io non conosco i tuoi desideri. Non so cosa vorrai fare da grande, anche se sei già grande. Che sogni hai. Chi vorresti essere o diventare. Ma non smettere di sognare. Non buttare gli anni investiti in conoscenza, in materie, in amicizie, in legami. Anche le delusioni servono. Anzi, sono le radici su cui far nascere la corteccia della nostra interiorità. Caro X, la cultura serve. Serve a pensare con la propria testa. Ogni singolo uomo-donna contiene in sè una ricchezza inestimabile. A volte non la vediamo. Non ci sembra di averla. E cercarla costa fatica e riflessione. A volte spetta a noi, magari, mostrarla a chi pensa di averla perduta, ma è solo smarrita. La scuola serve, i diplomi anche. Lo studio forma la tua auto-coscienza di essere qui e ora: contemporaneo. Non fatevi abbindolare dalla gentaglia che nella vita desidera unicamente riempirsi le tasche e la pancia. Ne conosco a bizzeffe di questi ominidi pingui. Le anime morte di Gogol hanno maggior dignità sociale. Ma noi dobbiamo innalzarci e gli esempi marci e negativi vanno ignorati e calpestati. Ritorna Caro X sulla tua scelta. Studiare è libertà. È apprendere. È crescere. È investire nel proprio futuro. Che sia per un diploma ora che magari ci appare insignificante, o qualcos’altro domani. Avete, voi giovani la cosa più bella davanti: il futuro: prendetelo! Angelo Briscioli CAPO DI PONTE

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1