07 giugno 2020

Spettacoli

Chiudi

24.02.2020

«Lupin III», torna il ladro più scanzonato

Un’immagine di «Lupin III»
Un’immagine di «Lupin III»

ROMA Di Lupin III «quello che amo veramente è la sua libertà senza confini, che gli permette di fare tutto quello che vuole ogni volta che vuole, senza mai legarsi a niente o nessuno in particolare». Così in un’intervista del 2003 Monkey Punch (pseudonimo di Kazuhiko Kato), il grande mangaka, scomparso 81enne a aprile 2019, aveva raccontato il suo ladro scatenato e scanzonato, diventato uno dei personaggi icona dell’animazione giapponese, dopo il debutto sui fumetti nel 1967 e sul piccolo schermo come anime (nella prima serie di tante) nel 1971. Il grande autore aveva anche amato l’idea che Lupin III, dopo 10 film cinematografici animati in 2d (indimenticabile quello diretto nel 1979 da Hayao Miyazaki, Lupin III: Il castello di Cagliostro) e due live action, tornasse al cinema per la sua prima avventura in Cgi, in Lupin III The first di Takashi Yamazaki, in arrivo nelle sale italiane dal 27 febbraio con Koch Media. Il film utilizza il registro dell’action comedy cogliendo anche elementi di saghe come quella di 007 e I predatori dell’arca perduta, per rilanciare per le nuove generazioni, il fascino del personaggio, nipote del grande ladro Arsenio Lupin. Restano la leggerezza e lo humour del protagonista, che perde i suoi aspetti più provocatori e meno politically correct, in una rilettura carica di toni caldi, colori pastello e dal tratto ’ammorbiditò, evidentemente diretta anche al pubblico più giovane. La squadra non cambia e con Lupin, ritroviamo amici, compici e ’nemicì di sempre: i compagni di scorribande Jigen, sempre pistola in mano, e sigaretta in bocca; il laconico samurai Goemon; la poco affidabile Fujiko, ma anche l’ispettore Zenigata, il poliziotto dell’Interpol che dà la caccia a Lupin III. Nel mire del ladro, in quest’avventura ambientata negli anni ’60, stavolta c’è il mitico diario di Bresson, che nasconde un pericoloso segreto del quale vorrebbe appropriarsi anche una misteriosa organizzazione di ex nazisti, guidata da Geralt, esaltato convinto che il Fuhrer sia ancora vivo. Sulla sua strada Lupin, in una caccia al tesoro, ricca di colpi di scena, fra Parigi, Messico e Brasile, incontra anche la timida Laetitia, ragazza appassionata di archeologia, legata per più di una ragione al diario. Il regista Takashi Yamazaki (Doraemon - Il film), non è riuscito a incontrare Monkey PUnch «ma siamo comunque riusciti a collaborare: è intervenuto nei punti essenziali». •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Dopo gli attentati dei terroristi islamici a Parigi, quali misure andrebbero adottate dall'Italia?
ok